il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
REPORT SUL CASO MASCHERINE FARLOCCHE FVG

LE FOLLIE DI SARO DARANNO UDINE AI GRILLINI

E' successo pochi giorni fa ad una cena fra vecchi compagni socialisti. Qualcuno chiede la disponibilità del gruppo a sostenere la candidatura a sindaco di Udine di Enrico Bertossi. Il primo a volerlo è Ferruccio Saro (vedi foto) che si dice certo di riuscire a tessere il solito mosaico in grado di scompaginare gli equilibri del centrodestra e del centrosinistra. Non solo: questa impresa potrebbe vedere anche il riavvicinamento a loro insaputa di due vecchi amici/nemici: Saro e Renzo Tondo. Della partita anche qualche nostalgico democristiano della prima repubblica che ancora frequenta le osterie del centro città. Ecco spiegata la ragione per cui ad oggi Bertossi riesce a far pubblicare un "manifesto" da candidato sindaco ma non accenna nemmeno ad un solo nome di possibili sostenitori. Sa perfettamente che sono tutti nomi che hanno fatto il loro tempo e che oggi sono in grado, forse, ancora di tessere accordi fra poteri forti, ma certamente non di mostrare la faccia in una competizione elettorale. Ovvio che non ci siamo dimenticati dei principali due nomi che hanno spinto Bertossi a candidarsi sindaco, ma, non trattandosi di politici ed avendo dei ruoli particolari, per rispetto loro, evitiamo, per ora, di metterli alla pubblica berlina. La speranza di questa allegra compagnia è che la nuova legge elettorale, proiettata verso il proporzionale, veda nascere un'alleanza innaturale fra renziani e berlusconiani. Tuttavia gli elettori, hanno dimostrato durante l'ultimo referendum di non essere degli sciocchi, e certamente voteranno secondo coscienza. Se invece centrodestra e centrosinistra si faranno attrarre da improbabili alleanza, allora la strada sarà spianata (e ben venga) al Movimento 5 Stelle.