il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
ESCLUSIVO: SCOPPIA SANITOPOLI FVG: TUTTI I NOMI

COMUNALI GORIZIA: COLLINI AFFONDATO CARIGO

Roberto Collini (vedi foto) ha ufficializzato da pochi giorni la sua candidatura a centro sinistra come Sindaco di Gorizia e sarà sostenuto anche dal principale partito della coalizione, il Pd. In questa ottica però a prescindere dai vari schieramenti politici che si stanno delineando notiamo che nello Statuto della Fondazione Carigo, di cui Roberto Collini è vicepresidente, l’articolo 21 recita testualmente: “Non possono essere nominati componenti gli Organi della Fondazione “coloro che siano candidati a ricoprire una delle cariche di cui al precedente comma 9, lettera d (vale a dire: presidenti delle regioni, gli assessori o consiglieri regionali, provinciali e comunali,  presidenti delle province, sindaci, presidenti e i componenti dei consigli circoscrizionali eccetera); lettera e- (crediamo che questo sia il punto che onorerà certamente il candidato a sindaco Collini) -“coloro che non abbiano sottoscritto una dichiarazione di impegno a non candidarsi, durante l’esercizio della carica e nell’anno successivo alla sua cessazione”. Collini, senz’altro un galantuomo, onorerà questi precetti della Fondazione di cui è importante rappresentante. Oppure  saranno gli stessi organi dirigenti della Fondazione a ricordarglielo, primo fra tutti il presidente Chiozza che sull’apoliticità dell’Istituzione goriziana ha recentemente dimostrato di tenere molto. Oppure interverrà il neo segretario generale Digiusto, certamente ben preparata sullo Statuto. Così facendo, per la corsa a sindaco di Gorizia partiranno tutti dalla stessa linea. Questione di correttezza, oppure di stile, vedete voi. Se il prossimo candidato del Pd, Collini, avesse già consegnato la lettera di dimissioni nelle mai del Presidente Chiozza,  saremmo sommamente lieti di darne notizia e pubblicazione.