il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
REPORT SUL CASO MASCHERINE FARLOCCHE FVG

FONTANINI E COLAUTTI CANCELLANO BERTOSSI DA UDINE

Intervistato oggi in esclusiva, il Presidente della Provincia, Pietro Fontanini (prossimamente su Udinese Tv) ha confermato la sua disponibilità a candidarsi sindaco alle prossime amministrative udinesi se a sostenerlo sarà un centrodestra compatto. Ipotesi che trova sponda dalle favorevoli consideraioni espresse alcuni giorni fa dal capogruppo in Regione Riccardo Riccardi e dal vice coordinatore vicario regionale Massimo Blasoni (vedi foto): "Fontanini è uno dei candidati più forti ed autorevoli che il centrodestra potrà esprimere a Udine". Fontanini è ben consapevole della possibilità che ci si troverà di fronte ad una serie di elezioni anticpate dato che anche Furio Honsell potrebbe essere tentato dal continuare la sua avventura politica in Regione o al Senato. Ma se Blasoni e Riccardi non bocciano in seconda ipotesi una candidatura di Alessandro Colautti e lo stesso Fontanini appare possibilista nel caso in cui Ncd si decidesse ad essere coerente e a sostenere chiaramente il centrodestra, la bocciatura a tutto campo arriva ancora una volta verso l'ipotesi Enrico Bertossi. No secco, quindi alla candidatura Bertossi da parte di Riccardo Riccardi, Massimo Blasoni, Massimiliano Fedriga e Pietro Fontanini, come pure da buona parte dei consiglieri comunali udinesi espressioni di Forza Italia e Lega Nord. A sostenere una candidatura dell'ex assessore di Riccardo Illy, a questo punto, rimarrebbero solamente Loris Michelini e Paolo Pizzocaro, che recentemente hanno pranzato assieme a lui, ma in tal caso non si potrebbe certamente parlare di una candidatura espressione del centrodestra. Sugli altri versanti sembra rafforzarsi l'ipotesi del consigliere regionale Enzo Martines per il centrsinistra, mentre fra i pentastellati circolano i nomi dei consiglieri comunali Fleris Parente e Mariaelena Porzio o degli attivisti Valter Colognori ed Alessandro Aiello; Paolo Perozzo potrebbe invece aspirare ad un seggio in consiglio regionale.