il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
DUBBI SUI CONTROLLI DEL DIRETTORE DI DISTRETTO UDINESE CANCIANI

LA CASTA GORIZIANA LASCIA MOSSA A RISCHIO RADON

Abbiamo chiesto al prof. Alessandro Del Zotto, docente di chimica all'Università di Udine e al dott. Giorgio Mattassi, ex dirigente tecnico dell'Arpa Fvg, se si sentirebbero tranquilli ad avere i propri figli nella scuola elementare di Mossa, dove da gennaio 2016 la presenza di Radon è superiore al livello medio consentito dalla normativa italiana: la risposta di entrambi è stata negativa. Eppure sebbene da diversi giorni stiamo sollevando questo allarme fino a lunedì prossimo non sarà possibile incontrare nessun dirigente dell'Arpa Fvg o dell'Ufficio prevenzione dell'Aziena Sanitaria poichè i rispettivi vertici hanno deciso di "sperimentare" il ponte festivo. Nel frattempo una nostra collaboratrice ha contattato la dott.ssa Silvia Pividore dell'Arpa, che le ha detto che i contatti con Mossa vengono tenuti da sempre attraverso il geometra del Comune, Roberto Feresin. Abbiamo chiesto a Roberto Feresin chi si occupi della manutenzione dell'impianto e lui ci ha riferito che è il Comune stesso a provvedere all'accensione e allo spegnimento e che di notte si preferisce spegnere l'impianto (altra nota: la Pividore ha parlato dell'impianto della scuola elementare spento durante molte fasi dell'ultimo anno a causa di varie lamentele dei genitori per il freddo procurato dall'impianto d'aria corrente e per questo ci sarebbe stato l'innalzamento dei valori Radon nella scuola). Successivamente, parlando con la maestra responsabile della scuola elementare ci è stato detto che da come sanno loro, l'impianto è rimasto guasto dall'anno scorso e quindi NON spento, tesi confermata anche dal sindaco. Il geometra di Mossa, Roberto Feresin, ha detto alla nostra collaboratrice di parlare con un tecnico esterno perché nonostante lui abbia portato avanti i lavori per l'impianto ha affermato siano stati solo ordini eseguiti e presi da altri. Ma come è possibile che la politica goriziana sia stata così "disattenta" dal 2003 ad oggi al rischio Radon quando il direttore tecnico di Arpa Fvg (vedi foto), Franco Sturzi, si è sempre occupato di queste tematiche nell'ente che dirige e (vedi curriculum allegato in Pdf) dal 2002 al 2006 ha ricoperto l'incarico di vice presidente della Provincia di Gorizia durante la presidenza di Giorgio Brandolin? Come mai l'on. Giorgio Brandolin, oggi deputato non ha interessato il governo nazionale di questo pericolo presente nel suo collegio elettorale oltre che in altre zone del Friuli Venezia Giulia? Perchè l'assessore regionale all'ambiente, Sara Vito, che ha pubblicizzato una serie di incontri con il Comando Carabinieri per il monitoraggio del Radon nel territorio non vuole rilasciarci dichiarazioni in merito alla permanenza del bollino rosso Radon presente a Mossa nonostante sia stata anche assessore comunale a Redipuglia e assessore provinciale con Gherghetta ma soprattutto risieda nel vicino comune di Redipuglia?