**
  • Home > Gossip > IL FARMACISTA DELLA QUIETE E IL CONVEGNO SUI VACCINI
  • stampa articolo

    IL FARMACISTA DELLA QUIETE E IL CONVEGNO SUI VACCINI

    aaa

    Vaccinarsi contro l'influenza e la polmonite è fondamentale per la salute delle persone anziane ma anche per il loro reddito. Il direttore del distretto sanitario di Udine Luigi Canciani ha condotto l'incontro organizzato da La Quiete sui vaccini con l'obiettivo di convincere la popolazione anziana sull'utilità del vaccino. Ad affiancare il dottor Canciani, un consigliere d'amministrazione della Quiete con due caratteristiche uniche: ultraottantenne e noto farmacista cittadino. Secondo qualche addetto ai lavori, il dottor Damiano Degrassi, titolare dell'omonima farmacia (vedi foto), avrebbe tutte le ragioni ad auspicare una proficua vendita di vaccini...ma si sa, che come al solito il tema è squisitamente etico e di opportunità, quindi inosservato.

  • Commenti

  • Indubbiamente dovrebbero essere obbligatorie varie vaccinazioni, soprattutto per gli operatori sanitari: es.per TBC o meningite. Invece non sappiamo se proprio chi si espone per professione a tante tipologie di rischi sanitari sia obbligato a farlo. Sappiamo quello che è successo a Trieste. Quanti sono dunque i medici,di base od ospedalieri, pubblici o privati,che si vaccinano per l'influenza? Sono obbligati? Commento inviato il 23-11-2016 alle 02:27 da cittadino
  • al MV di oggi: Maserve vaccinarsi contro l’influenza? ¦ Egregio direttore, puntuale è iniziata la campagna anti-influenzale, le previsioni sonosemprele stesse con virus già identificati che si presentano più cattivi dell’anno precedente, in grado quindi di costringere a stare a letto milioni di italiani. Direche si tratta diuna campagna di puro marketingmisembra scontato, è sotto gli occhi di tutti, e mi sembrapoco corretto ricorrere esclusivamente anumeriche ricordano morti e complicazioni damancata vaccinazione senza citare nessunnumero riconducibile agli effetti collaterali dei vaccini antinfluenzali. “È più pericoloso nonfarli”, sentiamo ripetere ognimomento. Main cosa consiste il pericolo? E quantoè pericoloso? Ma, soprattutto ledomandeche vengono spontanee sono: questi vaccini sonoefficaci?Proteggono davvero? Il rapporto rischio (assunzionedel farmaco) - beneficio (protezione, sicurezza) èfavorevole? I dati citati nei giorni scorsi nell’articolo apparso sulle paginedel MessaggeroVeneto riguardavanolacampagnaanti- influenzale del 2014-2015. Nel 2015 i Cdc (Centers for disease control andprevention) di Atlantahanno pubblicatounostudio (Flannery et al. Early estimates of seasonal influenza vaccine effectiveness Usa 2015) in cui si evidenziavaunefficacia media dei vaccini antinfluenzali (virusA e B) pari al 22/23%-26%di efficacia in soggetti dai 6mesi ai 17 anni;12%di efficacia dai 18 ai49 anni;14%dai 50anni in su. Dati abbastanza chiari che comunquelascio giudicare da chi legge. Inoltre va ricordato che, a chi fosse stata consigliata la vaccinazione in gravidanza (tra il secondo e il terzomesedi gravidanza) il vaccino anti-influenzale in commercioin questomomentonelle farmacie,comeil Dpt (anch’esso consigliato),non èstato testato in questo senso sugli esseri umani. Ocjo,no è aghe benedete! MauroOttogalli presidente Comilva Fvg onlus (Coordinamento movimento italiano per la libertà delle vaccinazioni) Commento inviato il 22-11-2016 alle 14:40 da al di codroipo

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ