**
  • Home > Gossip > MEDIOCREDITO FVG: TRIESTE CHIAMA ROMA RISPONDE
  • stampa articolo

    MEDIOCREDITO FVG: TRIESTE CHIAMA ROMA RISPONDE

    651A

    Mediocredito Friuli Venezia Giulia Spa - Vendita della quota residua del Ministero dell'Economia.
    Il 29 ottobre 2000, sulla base di quanto stabilito dall'art. 66 della legge 23 dicembre 1999, n.488, è stato emanato un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri a norma del quale sono state individuate le società, delle quali lo Stato non detiene il controllo e per le quali il valore della quota del patrimonio netto sia inferiore a 100 miliardi di lire, che possono essere dismesse con modalità alternative a quelle di cui alla legge 474/1994, anche mediante meccanismi in uso nella rassi dei mercati finanziari per l'alienazione dei titoli azionari. Mediocredito Friuli Venezia Giulia (MFVG) è stata inclusa nell'elenco di società che rispondono ai requisiti indicati.
    Con successivo decreto del Ministero del Tesoro del 9 marzo 2001 è stato stabilito che la partecipazione del Ministero in MFVG (34,01%) venisse alienata mediante trattativa diretta al fine"di massimizzare il gettito per l'erario, contenere i costi e di assicurare la rapidità di esecuzione della cessione". L'incaro di intermediario e consulente finanziario globale è stato affidato a Societè Generale. La procedura di dismissione ha avuto inizio il 31 luglio 2002 con la pubblicazione da parte del Ministero di un bando di sollecitazione di manifestazioni di interesse all'acquisto della partecipazione in argomento. Nel termine previsto dal bando sono pervenute all'advisor quattro manifestazioni di interesse, presentate rispettivamente dalla cordata BCC Capitali (composta da banche di credito cooperativo friulane  evenete e da alcuni imprenditori veneto - friulani), da Monte dei Paschi di Siena, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste e dalla cordata Mediofin (composta principalmente da grandi banche italiane: Intesa, Unicredito e San Paolo). Lo svolgimento della procedura ha visto il ritiro dei primi due soggetti e la presentazione di offerte vincolanti da parte della cordata Mediofin e della Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste. La scelta dell'acquirente è avvenuta in data 16 luglio 2003 quando il Ministero, accolto il parere deo comitato di Consulenza Globale e Garanzia per le Privatizzazioni (il comitato) che raccomandava di selezionare l'offerta migliore in termini di prezzo, ha accettato l'offerta della Fondazione cassa di Risparmio di Trieste. Il controvalore, pari a 55 Euro per azione, è stato ritenuto congruo da Societè Generale. Il contratto di cessione tra il Ministero e la parte acquirente è stato sottoscritto il 30 luglio 2003. Il 30 ottobre 2003, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni in materia di vigilanza, si è provveduto al regolamento dell'operazione, ossia alla corresponsione del prezzo al Ministero ed al contestuale trasferimento dei titoli all'acquirente. L'incasso lordo a fronte della vendita della quota detenuta da Ministero in MFVG è stato pari a 61.253.500,00 Euro, corrispondente come detto, a 55 Euro per azione. Le commissioni riconosciute dal Ministero a Societè Generale in relazione all'attività svolta ammontano a 293.298,40 Euro. L'incasso al netto delle commissioni, pari a 60.960.201,56 Euro, è stato versato per 59.460.201,56 Euro al capitolo 4055 dello stato di previsione dell'entrata del bilancio dello stato, destinato al finanziamento del Fondo, e per 1.500.000,00 al capitolo 4056.

  • Commenti

  • Stando agli articoli di Affaritaliani, Mediocredito FVG è oramai in stato di insolvenza e dovrà essere sottoposto al Bail-in: a tale conclusione sono arrivati sia gli Ispettori BCE sia gli Ispettori Banca d'Italia. Aspettiamo di sentire cosa diranno i fenomeni Serracchiani e Bolzonello. Stando ad Affaritaliani se i vertici regionali fossero i intervenuti due anni fa, si sarebbero potute evitare le norme attuali del Bail-in. PB facci sapere..Grazie Commento inviato il 17-11-2016 alle 00:12 da Laureato
  • Grande Perbenista, il prologo è molto promettente ma non concludente. Attendo con trepidazione la puntata successiva. Commento inviato il 14-11-2016 alle 09:35 da capricciosa96
  • ma in parole povere, in che condizioni è questa banca? Commento inviato il 14-11-2016 alle 07:50 da ignorant
  • Ma che li ise chel che va ator cule Ferrari? Commento inviato il 14-11-2016 alle 00:34 da Tarcisio
  • PB, questo è alto giornalismo... complimenti. Commento inviato il 13-11-2016 alle 12:08 da Dario M.

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ