il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
REPORT SUL CASO MASCHERINE FARLOCCHE FVG

ECCO LA SCONCERTANTE QUERELA DI GIORGIO BAIUTTI

Vediamo assieme cosa ci imputa nella querela per diffamazione (vedi foto e clicca per ingrandire) il capogabinetto del presidente del consiglio regionale Giorgio Baiutti. Egli testualmente scrive: " Farei parte di un triumvirato (assieme a Marsilio e Iacop) che incide pesantemente sulle nomine dei diversi Enti ed organismi pubblici della Carnia che, come è noto, spettano prevalentemente ai Sindaci di quella Zona". In merito ai suoi rapporti con la Associazione Ermes di Colloredo, associazione ideata da lui, Baiutti scrive nella denuncia querela: "Buona parte dei post sono incentrati su una mia diretta cointeressenza gestionale dell'associazione culturale Ermes di Colloredo, con sede a Colloredo di Monte Albano, costituita nel 2006 che, a partire dal 2007, ha beneficiato di più contributi regionali, l'ultimo dei quali ottenuto nel 2014. I 500.000 euro di contributi non vengono considerati e spalmati dal Perbenista negli otto anni di bilanci della Regione ma fatti rientrare o nei cinque anni o nei pochi anni di attività. Non ho mai partecipato alla vita associativa della Ermes di Colloredo, nè ho ricoperto cariche in essa, anche se sono stato più volte invitato agli eventi da questa organizzati. Il Perbenista ha titolato e postato con grande enfasi sul "tesoretto del re di Cassacco", sugli sprechi di fondi erogati ai compagni di partito del Collinare, ed ha chiesto più volte che fossi io a dare delle spiegazioni sulle rendicontazioni e sulle modalità di assegnazione dei fondi. Come è noto non ho mai ricoperto ruoli di tipo amministrativo o incarichi Giuntali in Regione, non potevo influenzare scelte dell'Esecutivo (oltretutto guidato dal Presidente Renzo Tondo), ma non può essere sottaciuta l'accusa che i funzionari regionali fossero condizionati da pressioni politiche nella istruttoria delle domande e nella verifica dei rendiconti..." Lasciamo ai carnici spiegare se Baiutti, Marsilio e Iacop hanno mai avuto potere decisionale; lasciamo ai consiglieri e agli ex consiglieri regionali del Friuli Venezia Giulia commentare queste righe scritte da Giorgio Baiutti; lasciamo ai lettori capire se Renzo Tondo sia stato un avversario politico di Baiutti o uno storico compagno socialista; lasciamo ai funzionari regionali spiegare se i contributi venivano decisi dalla giunta regionale oppure dal vari consiglieri. Ci piacerebbe sapere cosa ne pensano in merito Renzo Tondo, Ferruccio Saro, Alessandro Colautti, Enrico Bulfone, Alessandro Dario e tanti altri socialisti che hanno fatto parte del Psi friulano. Incredibile poi la conclusione in cui di fatto, Giorgio Baiutti ammette che i finanziamenti sono frutto di iniziative d'aula (lui era consigliere regionale) e non della giunta: "I contributi concessi annualmente alla Ermes di Colloredo sono sempre derivati da stanziamenti dell'apposito capitolo del bilancio regionale e da finanziamenti a seguito di decreti del Dirigente preposto su progetti presentati al Servizio regionale del Turismo. Le iniziative ad eventi promossi sall'Associazione Ermes di Colloredo rientrano nell'attività istituzionale prevista dalla sottoriportata disposizione legislativa, contenuta nella legge di bilancio della Regione, sulla base della quale sono stati concessi i finanziamenti annuali dal 2007 al 2013: "capitolo: S/6152 Contributo straordinario all'associazione culturale Ermes di Colloredo di Monte Albano"". Alquanto preparato in ogni singolo dettaglio Giorgio baiutti per essere stato così distante da questa associazione.