il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
IL VICE PRESIDENTE DE LA QUIETE SMASCHERA IL DIRETTORE GENERALE GUARNERI

QUESTA SERA, CH 110, ORE 21 SPECIALE ERMES DI COLLOREDO

Questa sera alle ore 21 su Udinese Tv (ch110) andrà in onda lo speciale "Associopoli Fvg" in cui cercheremo di capire quali siano stati e quali siano i criteri con cui la Regione Fvg finanzia tramite contributi le varie associazioni presenti sul territoro. Viene fatta attenzione alla differenza fra le associazioni culturali vere e proprie che hanno per oggetti eventi e manifestazioni di primaria importanza e quelle associazioni che di culturale hanno solo la forma, ma in realtà sono di natura prettamente politica. E' lo stesso presidente della Commissione Cultura, il consigliere regionale del Pd, Vincenzo Martines, ad ammettere che negli anni vi è sempre stata una spartizione di determinate poste fra i partiti per sovvenzionare le associazioni "amiche". Associazione democristiane, socialiste, comuniste, padane, autonomiste e via dicendo. Nel corso di questa trasmissione dopo una severa intervista all'assessore regionale alla cultura Gianni Torrenti, le nostre telecamere si soffermano sull'associazione Ermes di Colloredo (vedi foto: Giordano Menis con Luca Ovan e Giorgio Baiutti), che in sette anni ha raccolto oltre 600mila euro di contributi pubblici dalla Regione Fvg. A denunciare una corsia preferenziale di questa associazione è l'ex sindaco di Treppo Grande Rina Di Giusto, ma forti dubbi vengono sollevati anche dal Movimento 5 Stelle tramite la consigliera regionale Eleonora Frattolin ed il capogruppo in consiglio comunale di Cassacco, Marco Castenetto. Intenzionata a parlare il minimo possibile l'attuale sindaco di Treppo Manuela Celotti che tuttavia concede qualche minuto di intervista, al contrario del suo collega di Colloredo di Monte Albano, Luca Ovan, che scappa dalle telecamere lamentando possibili ripercussioni dei suoi amici qualora avesse rilasciato dichiarazioni. Imbarazzo anche da parte della consigliera leghista Barbara Zilli, presente in studio a commentare le varie interviste che si ritrova, suo malgrado, ad ammettere un totale silenzio della Lega Nord su questi sperperi.