il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
IL VICE PRESIDENTE DE LA QUIETE SMASCHERA IL DIRETTORE GENERALE GUARNERI

CODROIPO: CIPRESSO RESTA SOLO E SCAPPA

La sede della corazzata Riccardoski, denominata Associazione Culturale 16 maggio, aperta a Codroipo in via Friuli nel 2012 ormai è chiusa da tempo. Delle tante persone presenti (vedi foto) ben pochi sono rimaste fedeli a Riccardo Riccardi, praticamente nessuno. Tutti persi per strada da Thierry Snaidero a Bruno Del Pozzo, fino a metà Lega Nord del medio friuli. Così alla vigilia delle elezioni Codroipesi, il capogruppo in consiglio regionale di Forza Italia, colui che ambisce al posto che fu di Renzo Tondo ed oggi occupa Debora Serracchiani non è neppure in grado di individuare un candidato sindaco nella sua cittadina natale. Abbia il coraggio per una sola volta di esporsi e di non pretendere tutto per dovuto. Troppo sarebbe chiedere a Riccardo Riccardi di candidarsi lui, poichè lo stipendio di sindaco di Codroipo non è allettante, tuttavia l'ex commissario della Terza Corsia potrebbe scendere in pista "stile Renzi" ed affermare che se Codroipo dovesse tornare alla sinistra lui si riterrà bocciato dal suo elettorato. Troppo facile per Riccardi rivendicare la vittoria di Pordenone e Trieste, dove hanno vinto fra l'altro due esponenti del centrodestra in antitesi a lui da sempre, e far finta di nulla a Codroipo, realtà fra l'altro in cui ci sarà anche il ballottaggio.