**
  • Home > Gossip > CASE DI RIPOSO:TELECAMERE VIETATE ALLA QUIETE DI UDINE
  • stampa articolo

    CASE DI RIPOSO:TELECAMERE VIETATE ALLA QUIETE DI UDINE

    543A

    In questi giorni stiamo lavorando ad un'inchiesta che andrà in onda a settembre su Udinese Tv nella prossima serie de "Le inchieste del Perbenista"ed abbiamo inviato una mail alle principali strutture adibite a case di risposo per anziani autosufficienti e non. Ci siamo rivolti, sia alle Asp, ossia alle strutture pubbliche, di maggiori dimensioni, che alle case di riposo private, fra cui spiccano per notorietà la Sereni Orizzonti di Massimo Blasoni e la Zaffiro di De Sabata, Bardelli e Ritossa. Immediata la replica di tutte le strutture da quella di Gorizia a quella di Pordenone, da quella di Pradamano a quella di Palmanova e di entrambi i gruppi privati. Cercheremo di capire e di comunicare al pubblico, quali sono le esigenze degli anziani e dei loro famigliari, quali sono le offerte ed i costi delle varie strutture e in che modo Regione Fvg e pubbliche amministrazioni "contribuiscono" ai bisogni dei propri concittadini.  Che differenza vi è fra una struttura privata ed una pubblica e perchè la corsa all'accreditamento dei posti letto ha segnato un mercato molto interessante per chi legittimamente ha scelto questo tipo di business. Che personale opera in queste strutture e quali sono le strutture per anziani autosufficienti e quali per anziani non autosufficienti. Nel merito intervisteremo anche manager privati della sanità, l'assessore regionale alla salute Maria Sandra Telesca, Federsanità Fvg, sindacati e il corpo dei Nas che da tempo operano controlli di prevenzione di vario genere a tutela degli anziani. Per questo in questi giorni stiamo prendendo appuntamento con ciascuno per il ruolo di sua competenza per poter effettuare delle interviste con teleoperatore nella varie strutture e nei luoghi ove hanno sede gli uffici direzionali di chi controlla e concede contributi pubblici. Tuttavia, contrariamente alle altre strutture, la Asp La Quiete di Udine non ha ancora risposto alle nostre mail e sia il presidente Stefano Gasparin che il direttore generale Salvatore Guarneri (vedi foto) non hano voluto neppure rispondere alle nostre telefonate e ai nostri sms. Essendo La Quiete una struttura privata ma di proprietà per la maggioranza dell'amministrazione comunale di Udine, pertanto avendo un cda di nomina quasi interamente pubblico, ci siamo rivolti anche al capo gabinetto della Presidenza della Giunta Regionale Agostino Maio, già vice sindaco di Udine per cercare di entrare con le nostre telecamere presso gli uffici direzionali della casa di risposo ma ancora non vi è stato nulla da fare. L'informazione non può fermarsi a causa di un cancello chiuso e ancora meno a causa dell'assenza di un presidente e un direttore generale profumatamente pagato. Sia chiaro, onde evitare facili scuse, che abbiamo chiarito fin dall'inizio che non sarà ripreso nessun ospite o degente delle strutture. Ad oggi il direttore generale de La Quiete Salvatore Guarneri, rinnovato nel suo incarico di recente, risulta ancora indagato e rinviato a giudizio per truffa e abuso di ufficio.

  • Commenti

  • LA QUIETE è UN ENTE PUBBLICO Commento inviato il 22-08-2016 alle 08:12 da Anonimo
  • Forse se c'è da fare uno scandalo è sulla assistenza di merda che questa politica regionale di merda riserva agli anziani, gente purtroppo senza voce (...e senza voti), mentre si buttano soldi a palate su operazioni puramente di facciata di cui beneficiano qute risibili di cittadini. Commento inviato il 19-08-2016 alle 15:51 da Capisci a me
  • Non ci sono solo case di riposo con nomi nazionalmente noti. C'è ne sono anche di piccoli numeri e dimensioni ma con una cura veramente personale all' ospite! Il Perbenista cerchi e troverà . Commento inviato il 19-08-2016 alle 14:19 da La solita
  • Forse Guarneri non ti risponde perché, dopo qualche anno, si è' stufato di sentirti fare illazioni sul suo conto?....Secondo me il tuo nome finisce dritto dritto nello spam :-) Commento inviato il 19-08-2016 alle 08:24 da Elettra
  • il magna-magna pubblico INIZIA alla nascita con la prima cosa che fanno: assegnarti il codice fiscale e FINISCE evidentemente fino a fine vita con costi esorbitanti per le case da risposo e l'ultimo colpa di coda pure il funerale ormai per ricchi visto che i polituccoli, per i poveri, hanno pensato gia' al business della cremazione! La PA italiana e' nata come casta per invidia della Monarchia ed ha continuato imperterrita a rovinare gli italiani! 4 milioni di dipendenti che con i familiari fanno un giro di mantenuti che arriva a 15 milioni! Lo zoccolo dure della sinistra! Basta trattare bene questi ed hai il potere... perche' gli altri ormai nn vanno nemmeno piu' a votare perche' gli hanno tolto tutto! Dimezzati i salari e raddoppiati i costi e tasse! E come se nn bastasse li prendono per il culo assegnando 35 euro a finti profughi che vanno a prendere quasi sulle spiagge libiche! Ce ne sarebbe per una rivoluzione! State attenti polituccoli che nn rispondete alle mail e alle telefonate... Ci ricorderemo di voi come coloro che vogliono magnare-magnare in pace e senza rompik...ni! Commento inviato il 19-08-2016 alle 07:01 da al di codroipo
  • Forse Guarneri sarà impegnato in Sanatorio Triestino , Eutonia , Riabilitazioni varie o Grado ..... tutte realtà private accreditate !!!! Commento inviato il 19-08-2016 alle 05:32 da anonimo
  • e sul Residence Stati Uniti D'America S.R.L. Centro Anziani di Villa Santina aumento rette 14% senza motivazioni serie - struttura del comune a cui compete anche nomina cda società sempre maggioranza comune - di cui già la regione ha chiesto spiegazioni Commento inviato il 19-08-2016 alle 01:31 da curioso

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ