**
  • Home > Gossip > BIANCANEVE E LA RIVOLTA DEI SETTE NANI
  • stampa articolo

    BIANCANEVE E LA RIVOLTA DEI SETTE NANI

    521A

    Si avvicinano le elezioni regionali del 2018 e tutti i politici (vedi foto) si illludono di essere i protagonisti di un'altra stagione. Così il centrodestra baruffa se candidare a governatore del Friuli Venezia Giulia Riccardo Ricardi o Massimiliano Fedriga senza escludere un ritorno di Renzo Tondo. Il centrosinistra attende risposte da Debora Serracchiani, facendo scaldare i motori a Sergio Bolzonello e Franco Iacop. Poi ci sono gli outsider come Giuseppe Morandini o Michela Del Piero buoni per tutti gli schieramenti. Si incontrano per le sperdute osterie dei paesi i vari ex consiglieri regionali (vedi foto) fiduciosi di tornare in pista e persino Franco Belci storico sindacalista della Cgil sogna un posto al sole. Le associazioni di categoria poco seguono l'economia ma sono ben liete di partecipare ai tavoli di chi conta senza escludere la presenza di un proprio uomo in giunta. Così mentre la Corte dei Conti verifica scontrini su scontrini la regolarità delle spese, a palazzo Oberdan si moltiplicano bicchierate e pizze in cerca di consenso. Ma quando capiranno che la favola è finita e che il popolo ormai si è stancato dei soliti nani?

  • Commenti

  • Fate pure.....io voterò INDIPENDENZA!!!!!! Commento inviato il 21-07-2016 alle 14:32 da Milziade
  • se impareranno a fare i cuochi... perchè il ristorante "al benvenuto" di renzo tondo & C. sas non li assume ? Commento inviato il 21-07-2016 alle 09:22 da anonimo
  • segue - Commento inviato il 21-07-2016 alle 05:12 da Anonimo. E poi vi devo dire che alla Caverzerani stanno imparando un mestiere. Poi saranno pronti per andare a lavorare in una impresa edile o manutenzione del verde. Molti impareranno a fare i cuochi, insomma a lavorare. Commento inviato il 21-07-2016 alle 05:25 da Anonimo
  • Commento inviato il 21-07-2016 alle 03:04 da Mke. Basta essere sempre contro i fratelli mussulmani. La serracchiani non ha riempito i parchi di falsi profughi che non fanno un cavolo dalla mattina alla sera. Loro stanno cercando di integrarsi e voi non capite. Commento inviato il 21-07-2016 alle 05:12 da Anonimo
  • L'unico che può ricandidarsi a testa alta è Renzo Tondo Commento inviato il 21-07-2016 alle 05:02 da Anonimo
  • Un po' di cavolate a caso in classìco stile Perbenista, senza toccare per l'ennesima volta la Serracchiani che ha distrutto la sanità regionale, riempito i parchi di falsi profughi che non fanno un cavolo dalla mattina alla sera, ha distrutto l'autonomia regionale e blocca tutti i lavori pubblici, vedi terza corsia. Vai Perbenista sempre con la Serracchiani! Commento inviato il 21-07-2016 alle 03:04 da Mke
  • Questi politici al posto di scendere in campo drovrebbero alzarsi alle 4 di mattina per andare a arare il campo, seminare, tagliare il fieno, accudire il bestiame e forse dopo capiscono cos'è il lavoro Commento inviato il 20-07-2016 alle 23:17 da Bruno
  • Si avvicinano le elezioni... e riprendendo un precedente post di "al di codroipo" mi associo per candidare Topo Gigio... Queste facce politiche hanno stancato tutti, devono provare anche loro la straordinaria esperienza di noi comuni mortali di mettersi a LA-VO-RA-RE !!! Commento inviato il 20-07-2016 alle 12:33 da Arcistufo
  • Molti di questi signori farebbero bene a ritirarsi e godersi la rendita conquistata con tanta abilità diplomatica... Sarebbe più utile ora che si andasse a verificare IN CONCRETO dove sono stati messi tutti questi dipendenti, qualcuno si interessa di loro? i dirigenti magari non sanno neppure che fargli fare...(?!). Sono stati previsti corsi di aggiornamento per le nuove funzioni (costosi pure quelli)? Commento inviato il 20-07-2016 alle 12:32 da cittadino
  • Uno pensa: aboliamo gli enti che costano di più e servono meno: la sanità allo stato, le strade alle provincie e stato, l'ambiente a comuni e stato e via le Regioni. Quanti soldi si risparmierebbero? Invece no, si aboliscono le provincie che sono quelle che costano meno e in più si fanno nuovi carrozzoni. Passa tutta la voglia di andare a votare. Commento inviato il 20-07-2016 alle 08:05 da anonimo
  • In Friuli si sopprimono 3 Province (enti intermedi di area vasta ad elezione popolare) e si creano 17 unioni (enti intermedi di area meno vasta e di secondo grado, quindi meno rappresentativi), cioè ci saranno 14 enti pubblici in più in regione. Per Trieste, nulla quaestio: c’era una Provincia e le si cambia nome. E questa provincia potrà rafforzarsi con la Città metropolitana (previsione inserita nel nuovo Statuto). Passo dopo passo, si arriverà a quel risultato, anche se il consiglio regionale si è dimostrato contrario. Questi nuovi 14 enti locali avranno bisogno ognuno di una sede (con conseguenti costi di manutenzione straordinaria e ordinaria, luce, riscaldamento, ecc.), nuovo gonfalone, nuova carta intestata; forse anche di qualche segretario generale (non tutti lavoreranno gratis!), ci piacerebbe sapere se è stato fatto da parte della Regione un calcolo della spesa. Dubitiamo che sia a costo zero. Commento inviato il 20-07-2016 alle 07:12 da Pestefruce
  • Il senso dell'articolo??? Commento inviato il 20-07-2016 alle 06:15 da Anonimo
  • come sei caduto in basso spari ad alzo zero verso qualcuno ma dimostri di non capire un'acca di politica regionale. da piangere a leggerti Commento inviato il 20-07-2016 alle 05:09 da anonimo

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ