**
  • Home > Gossip > IL PD ESPELLE GHERGHETTA MA GLI PROLUNGA IL MANDATO
  • stampa articolo

    IL PD ESPELLE GHERGHETTA MA GLI PROLUNGA IL MANDATO

    502A

    Dopo la disfatta alle ultime amministrative del Pd, l'isontino prende "falce e martello" ed inizia a tagliare teste. Fra le vittime illustri il presidente della Provincia di Gorizia Enrico Gherghetta e il consigliere provinciale Elisabetta Medeot (vedi foto) sospesi dal partito in quanto rei di aver appoggiato a Grado la candidatura del commissario Claudio Kovatsch in antitesi al candidato ufficiale del Pd Luciano Cicogna. Sospesi anche altri iscritti del Pd che avevano optato per la propria candidatura in civiche a sostegno di Kovatsch e un semplice tesserato, Emanuele Oriti, reo solo di "aver votato" per Kovatsch senza essersi neppure candidato. Risparmiata dalla furia rossa del segretario provinciale del Pd di Gorizia Marco Rossi, un'altra "traditrice", ossia Ilaria Celledoni, in quanto seppur candidatasi a Grado risulta iscritta presso il Pd udinese. Sul suo profilo Facebook, Gherghetta sccrive: "A Grado ho fatto solo il mio sporco dovere e lo rifarei. E lo rifarò. Non ho da guadagnarci niente ma lo rifarò, perchè la democrazia e i diritti sono tutto. Il resto sono parole altisonanti e vuote di un apparato di partito che i problemi li legge sui giornali e i cittadini li vede solo in fotografia". Nel Pd isontino è guerra fredda e sono in molti ad indicare nel capogruppo in consiglio regionale Diego Moretti (tuttora fatalmente attratto dall'ex consigliere regionale Franco Brussa) il mandante dell'operazione "falce e martello" volta anche ad evitare la possibile ambizione di candidatura alle imminenti amministrative monfalconesi di Gherghetta. Operazione paradosso da parte dell'assessore regionale goriziano Sara Vito che mentre il suo partito caccia fuori dal Pd Enrico Gherghetta, lei assieme alla giunta, prolunga mandato e stipendio al presidente della provincia isontina di oltre sei mesi rispetto l'immediata scadenza.

  • Commenti

  • Ma, Antonella GRIM, Segretaria Regionale del PD ha qualcosa da dire in merito. O il virus DEBORA-PENSIERO la tiene in quarantena ancora per molto. Nella sveiti che il PD ha bisogno di altro che una Segreteria dipendente-pensiero. Alla fine hai paagto e pagherai pegno. Auguri ................ Commento inviato il 01-07-2016 alle 06:32 da Un iscritto deluso
  • Gherghetta, Sara Vito, Cicogna ... ma chi sono costoro. Siamo un pò più seri, se dovessimo veramente applicare lo Statuto ed il Regolamento del PD, questi ed altri signori non sarebbero candidabili neanche con l'Associazione dei beati puri di cuore. Invece sono lì, sempre ad insegnare agli altri cosa devono o non devono fare, perchè ognuno si ritiene portatore di un tot. di voti. Signori abbiamo visto, per cortesia non avete più le competenze, lasciate ad altri il vostro "umile volontariato". Commento inviato il 28-06-2016 alle 05:58 da Ben venga il nuovo
  • Espulso in quanto "reo di aver votato"??? Ma il voto non è (più) segreto? Commento inviato il 27-06-2016 alle 10:23 da Snait
  • Vergogna! Friulani sveglia! La Serracchiani e' una tragedia! Commento inviato il 26-06-2016 alle 14:42 da Df
  • Serracchiani lancia il sasso e nasconde la mano, è risaputo che sotto Kovatsch era lei ma visti i risultati elettorali ora si nasconde Commento inviato il 26-06-2016 alle 13:18 da Anonimo

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ