**
  • Home > Gossip > NERONE FEDRIGA BRUCIA LA LEGA NORD FVG
  • stampa articolo

    NERONE FEDRIGA BRUCIA LA LEGA NORD FVG

    496A

     Massimiliano Fedriga a Trieste non è mai riuscito a smarcarsi dal carisma del potente senatore Giulio Camber (vedi foto) che fin dalla prima repubblica ha determinato tutte le elezioni e le candidature del capoluogo giuliano. Queste elezioni si sono dimostrate una vera sconfitta per il capogruppo alla Camera dei deputati padani tanto da gioire per essere riuscito a far vincere il centrodestra a Trieste e Pordenone evitando di esporre la Lega Nord. Considerata, a torto, il primo partito della coalizione, la Lega Nord avrebbe potuto/dovuto esprimere un candidato sindaco a Trieste o Pordenone ma ha dovuto accettare i nomi ben più competitivi di due "vecchie glorie". Per questa ragione Fedriga a pochi giorni dal voto ha perso una fetta consistente della classe dirigente della Lega Nord pordenone che ha fatto scivolare il partito ad un modestissimo 7,9% e facendo raccogliere al più votato dei padani appena 183 voti dopo decenni di vissibilità in giunta provinciale. Così a Pordenone, Alessandro Ciriani, meritatamente stravince dimostrando, lui si, di essere leader e conquistando fra la sua civica e la lista di Fratelli di Italia oltre il 25%. A nulla sono valsi i tour di Salvini e Zaia per accrescere il voto padano a Pordenone. Ancora peggio i dati a Trieste, città in cui da sempre il capogruppo alla Camera dei Deputati padani risiede. Candidato sindaco oggi eletto, un carismatico Roberto Dipiazza, espressione di Angelino Alfano fino a poche ore prima della chiusura delle liste (e forse tutt'ora). La Lega Nord a Trieste risulta essere il terzo partito della coalizione, dietro Forza Italia e la civica Dipiazza. Anche qui la Lega Nord, a differenza del vicinissimo Veneto di Luca Zaia, non arriva alle due cifre fermandosi a poco più del 9,5%. A Udine, governato da sempre dal centrosinistra nonostante città moderata, la Lega Nord ha percentuali ancora più basse e priva di una classe dirigente in grado di esprimere un potenziale candidato sindaco nel 2018, tanto che l'unico nome che gira è quello del Presidente della Provincia Piero Fontanini, già presidente della regione, deputato, senatore e primo cittadino di Campoformido. In Consiglio regionale Fvg non esiste un gruppo consigliare della Lega Nord essendo tutti fuori usciti ed oggi il partito è rappresentato da una sola consigliera regionale, Barbara Zilli, ovviamente seduta nel gruppo misto. Chiaro che non sa ciò che dice, chi ipotizza anche lontanamente una cadidatura a governatore della Regione nel 2018 per Massimiliano Fedriga, analizzata la situazione sul territorio. Candidatura, fra l'altro, che Fedriga, tutt'altro che ingenuo per se stesso, mai e poi mai avenzerebbe, preferendo di gran lunga la movida romana.

  • Commenti

  • Come volevasi dimostrare!! La Lega Nord non esiste più e non solo in FriuliVG dove il cadavere putrescente ormai è rappresentato solo da uno scheletro deambulante come Fedriga (chissà se riuscirà a mollare il "vizietto" prima di finire in polvere anche lui??)e null'altro, ma anche in tutto il resto del Paese dove il buon Salvini ha tenuto sulle sue spalle il partito come il mitico Atlante, ma raccogliendo l'eredità di quel buono a nulla di Maroni, ne ha mantenuto la schiera di leccaculi e nullità (Fedriga in primis), gente che non ha motivo neanche di esistere. L'unico con un po' di fondamentali, Gonano, poveraccio è morto in incidente stradale, così non può fare + ombra al capo... A che vale quindi sbraitare, ruspare e raccontare tante belle favole, se poi, alla prova dei fatti (elettorali), ti allei con gli inciucioni democristiani e socialisti, con gli scafati mercanti di voti perchè non hai merce umana da proporre all'elettorato? Il popolo è bue fino a un certo punto, in cabina si accorge se tiri a fregarlo e se non gli proponi il cambiamento almeno con facce nuove o almeno convincenti(oggi si chiamano M5S, ma domani chissà?) tra due vergognosi si tiene ciò che ha, o non va a votare... Dite che a Trieste e a Pordenone però hanno cambiato??? E' quello il nuovo che avanza? o semplicemente, visto che misteriosamente in Friuli M5S ancora non esiste e la scelta era speculare (un piês-un piês), l'elettorato ha dovuto comunque mandare un segnale inequivocabile agli attuali manovratori (PD-Serracchiani). La morale della favola è sempre la stessa: è ora di imbracciare i fucili e cominciare a sparare (e non cazzate). Noi tifiamo rivolta! Commento inviato il 22-06-2016 alle 16:53 da Tifiamo rivolta
  • Queste cose le dicevo in tempi non sospetti anche a Fedriga, ma loro sono contenti di aver "vinto" e gioiscono per aver sconfitto me. Son soddisfazioni.... Commento inviato il 22-06-2016 alle 00:14 da Gianni Sartor
  • Intanto, grazie alla lista bloccata con il porcellum, la provincia dove la lega ha le percentuali più basse in regione si è pappata dal 2013 l'unico seggio regionale leghista alla Camera, con i voti del "contado" friulano: pùars furlans ... Commento inviato il 21-06-2016 alle 11:03 da Pestefruce
  • I Tafazzi regionali godono, poverini. Nel bene o nel male la Lega è l'unico partito nel quale i militanti hanno un senso di appartebenza al contrario degli altri per i quali..o franza o spagna... Commento inviato il 21-06-2016 alle 00:42 da Anonimo
  • La lega cerca di far parte del successo di trieste e pordenone ma in realtà ha preso una bella torta in faccia. Ridicoli! Commento inviato il 20-06-2016 alle 14:35 da totonno
  • godo godo a vedere la lega in malora Commento inviato il 20-06-2016 alle 09:49 da Anonimo
  • e comunque l'on. fedriga NON è nato a trieste, quindi a trieste da sempre è stiracchiata Commento inviato il 20-06-2016 alle 04:22 da cassie
  • però vicesindaco di ts sarà roberti, leghista leghista triestino ossimoro. Prima i padani? i lombardi? Commento inviato il 20-06-2016 alle 04:21 da cassia
  • In FVG tengono famiglia e pertanto i partiti privi di cadreghe (M5S e Lega) non attecchiscono. Ormai i friulgiuliano sono peggio dei meridionali e votano solo per clientele e interesse personale e poi chi li amministra e rappresenta (anche nei blog) è portatore di quella cultura. Commento inviato il 20-06-2016 alle 01:34 da Anonimo

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ