**
  • Home > Gossip > LA BICEFALA SANDRA SODINI GUARDA INFORMEST AFFONDARE
  • stampa articolo

    LA BICEFALA SANDRA SODINI GUARDA INFORMEST AFFONDARE

    473A

    Informest affonda e la Dirigente Sandra Sodini rimane a guardare sorridendo (vedi foto). Uno strano destino quello di Informest, l'Agenzia per la cooperazione Economica con sede a Goriza fondata con legge 19/1991.Nel giro di pochi anni, da riconosciuto braccio operativo dell'Amministrazione regionale, con tanto di solenni convenzioni siglate sino a un anno e mezzo fa con lo stesso socio fondatore, Regione Fvg, al lento ed inesorabile declino che la vede sempre meno presente nelle progettazioni territoriali a favore del territorio regionale. Una parabola molto particolare, un ente dapprima riconosciuto ed apprezzato, ora costretto ad arrancare rincorrendo a collaborazioni dai contorni incerti ora con Comuni, o con le Uti (non si comprende come), ora con le Aziende Sanitarie (non ci sono medici ad Informest) o con consulenti, o con la collaborazione con il GET GO. Non tralasciamo che Sandra Sodini è Direttore di GET GO e di Informest, d'altra parte le conviene mantenere il piede in due scarpe..forse per assicurarsi un paracadute in futuro. E cosa rimane del (fu) ricco fondo di dotazione che pare copra ogni genere di attività sul territorio? Ora viene usato per missioni internazionali, gettoni di presenza, buchi di vario genere e persino per oneri per le probabili cause di lavoro per licenziamenti che hanno colpito recentemente anche Informest. Il sindacato è sul piede di guerra e i consiglieri regionali tutelano i propri elettori. Su Informest ora regna una generale anarchia, chi dovrebbe controllare il giocattolo Informest per anni sbandierato come fiore all'occhiello, ora lo percepisce come una zavorra di cui nessuno sa bene cosa farsene. Non sottovalutiamo che la Regione Fvg è socio fondatore, ha una partecipazione, eroga importanti finanziamenti pubblici e ha l'obbligo di controllo delle attività. Dovrebbe essere compito della Dirigenza Sodini, molto ben pagata, assunta pare senza selezione pubblica, salvare la struttura Informest. Ma ora è fortemente impegnata solo a sdoppiarsi costantemente tra il GET GO ed Informest per salvare le proprie poltrone. Voci ben "inform..ate" di Palazzo riferiscono alcune mosse discutibili di Sandra Sodini non particolarmente gradite negli ambienti regionali. Sembra, infatti, non corra buon sangue fra la Sodini e il Direttore alle relazioni internazionali ed infrastrutture strategiche Carlo Fortuna, braccio destro della Presidente Serracchiani...e nel frattempo Informest affonda senza nessun salvagente.

  • Commenti

    12
  • Chiedere lumi anche a Bertossi vedi: http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2016/12/21/news/gorizia-diventi-citta-dell-internalizzazione-1.14604894?ref=search Commento inviato il 03-01-2017 alle 11:00 da anonimo
  • bisogna chiedere lumi a Romoli e Pettarin per la "pratica " Sodini Commento inviato il 08-06-2016 alle 06:47 da navigatore 16
  • Fatemi capire, qualsiasi imbecille puo' postare commenti senza moderazione di sorta? Veramente serio questo sito. Commento inviato il 06-06-2016 alle 12:05 da anonimissimo
  • p.s. non si trova nulla di tutto ciò (affidamenti esterni) nella sezione "amministrazione trasparente" di Informest...missà che tanto trasparente non è... Commento inviato il 25-05-2016 alle 01:21 da B.R.A.
  • Grazie per le preziose precisazioni, Sodini. Che la Regione FVG attui un CONTROLLO EFFETTIVO sulla gestione della struttura, compresi gli incarichi agli amici. Non è normale che vengano spesi €380.000 di SOLDI PUBBLICI per un "progetto" chiamato INTERNATIONAL DESK che, pur tralasciando l'affidamento a Bravo (ex Presidente di Informest), presenta un preventivo dei costi di tutto rispetto. Il progetto esecutivo (udite! udite!) costa la bellezza di €188.000 e consta nella selezione delle imprese italiane e russe e nella gestione del partenariato. €92.000 sono destinati alla piattaforma online (con dettaglio di spesa degno della più sfrenata creatività). €100.000 sono da imputarsi al convegno internazionale (che si svolge in 2 giornate, a Gorizia e Pordenone). Il tutto si svolge in un periodo che va da novembre 2012 a marzo 2013...quindi ben 5 mesi!!!!! Per fortuna che c'è la Regione FVG perché l'Europa non avrebbe mai finanziato un "progetto" del genere...e qualcuno parla di controllo analogo. Ma fatemi un piacere, qui non solo non c'è controllo ma accondiscendenza! Commento inviato il 25-05-2016 alle 01:12 da B.R.A.
  • 1) sono un uomo. ex collega .. maschio, ma non esiste "collego" nel senso di collega. Non vale ciò che vale per la parola Presidente. 2) evidentemente non sono la Sandra Sodini 3)mai sentito parlare di controllo analogo? (il ché ti suggerisce il tipo di laurea ..) 4) le forme della retorica le si studiava anche alle medie inferiori (ora manco alla laurea) 5) cavolo mi sono smentito .. sul tornare sul sito .. Commento inviato il 24-05-2016 alle 12:52 da anonimo
  • salutiamo quindi la Sodini che ci lascia dopo questa ultima carrellata difensiva piena di insegnamenti su figure retoriche, costruzione delle frasi e utilizzo della punteggiatura (è laureata in lingue e letterature straniere) e rilanciamo nell'affermare che si nel pubblico esistono meccanismi di valutazione, ma non in INFORMEST e non certo per la dirigenza. anche perché INFORMEST è un soggetto di diritto pubblico ma a gestione privatistica...e in effetti, la Sodini è stata assunta senza concorso e il suo operato non è MAI stato valutato da NESSUNO. ora probabilmente (e finalmente) stanno giungendo gli effetti delle (chiamiamole)valutazioni indirette dato che le direzioni regionali, una dopo l'altra, tagliano i ponti. Commento inviato il 24-05-2016 alle 10:32 da zorro
  • Nessuna difesa della Sandra Sodini. Basta difendere la realtà storica di Informest e ricordare i fatti di come è nata e come si è sviluppata. Per quanto riguarda "almeno qualcosa sa" non è certo riferito alla Dott.ssa Sodini, è riferito al commento. Trattasi di metonimia. Ovvero un riferimento al commentatore di un commento precedente (ripetizione voluta) in cui si fa riferimento alla perestrojka. Travisare volutamente .. Per quanto riguarda i post invito a provare ad utilizzare (sono vecchio), per citare altrui affermazioni le parentesi angolate all'interno dei commenti (i minore e maggiore). Il risultato: si perde parte del commento. E ora stufo di questo ciarlare inutile, perché nel pubblico ci sono i meccanismi di valutazione dei risultati .. abbandono il sito e le discussioni che non portano da nessuna parte. W Informest e chi continua l'opera dirigente o no! (ex dipendente) Commento inviato il 24-05-2016 alle 09:57 da anonimo
  • la difesa di se stessa, dott.ssa Sodini è alquanto confusa, si affidi a qualcuno che riesca a scrivere un unico post e che soprattutto abbia un senso logico ed un significato univoco Commento inviato il 24-05-2016 alle 07:19 da anonimo
  • ..."almeno qualcosa sa" è un'affermazione veramente triste che purtroppo si applica all'80% di dirigenti, responsabili e politici. siamo, insomma, nel solito calderone degli incapaci che (forse) qualcosa sanno ma che NESSUNO VALUTA Commento inviato il 24-05-2016 alle 07:15 da anonimo
  • Riposto dato che il sito ha tagliato. "cara non meglio definita "ex collega" le relazioni e i progetti di Informest li porta avanti chi quotidianamente lavora sul campo con professionalità..": vedi commento precedente su operatività Sandra Sodini. Almeno qualcosa sa. Per quanto riguarda post perestrojka non credo che la situazione fosse così idilliaca .. parlo per esperienza.. Pre-perestrojka per chi veniva dall'estero c'era chiarezza: la chiarezza del totalitarismo. Per quanto riguarda colleghi .. più di qualcuno ha collaborato .. ma è indubbio chi ha lavorato sul campo per costruire la rete di relazioni (ex ufficio progetti e Sodini) E non c'è stato bisogno di ex presidenti illuminati per mandare via il personale.. Molti se ne sono andati perché avevano trovato posti migliori.. senza difficoltà grazie alle competenze acquisite. Commento inviato il 24-05-2016 alle 06:49 da anonimo
  • > Vedi commento precedente su operatività Sandra Sodini. Almeno qualcosa sa. Per quanto riguarda post perestrojka non credo che la situazione fosse così idilliaca .. parlo per esperienza.. nella Pre-perestrojka per chi veniva dall'estero c'era chiarezza:la chiarezza del totalitarismo. Per quanto riguarda colleghi .. più di qualcuno ha collaborato .. ma è indubbio chi ha lavorato sul campo per costruire la rete di relazioni permanenti (ex ufficio progetti e Sodini) E non c'è stato bisogno di ex presidenti illuminati per mandare via il personale.. Molti se ne sono andati perché avevano trovato posti migliori.. senza difficoltà grazie alle competenze acquisite. Commento inviato il 24-05-2016 alle 06:48 da anonimo
  • mentre la Sodini licenzia e declassa personale a proprio piacimento, qualcuno sarebbe in grado di dire chi dovrebbe VALUTARE il suo operato e LICENZIARLA? Commento inviato il 24-05-2016 alle 05:38 da anonimo
  • cara non meglio definita "ex collega" le relazioni e i progetti di Informest li porta avanti chi quotidianamente lavora sul campo con professionalità, non certo la Sodini che, da ruolo che le compete:DIRIGENTE, si limita alle comparse e dichiaratorie pubbliche-politiche e non, alle relazioni con gli assessori e i direttori di turno e qui, come noto, non si può dire proprio che piovano riconoscimenti... Commento inviato il 24-05-2016 alle 05:28 da anonimo
  • Posto che la Sodini non ha l'età per aver lavorato nella Russia pre-perestrojka ma nel momento in cui si stava aprendo all'occidente (se vogliamo la situazione era anche migliore di adesso)non dimentichiamo che non era l'unica a lavorare in Informest con l'estero...anzi, molto di più hanno fatto altri suoi colleghi. Che lei poi abbia sapientemente, con diligenza e con la connivenza di ex presidenti luminari raso al suolo l'assetto originario di Informest (nonché scomodi colleghi e superiori) per portarlo poi alla distruzione e da qui a breve all'affondo, non lo si può negare. Ed ecco che diventa la Giovanna d'Arco dell'Europa in Russia e nei Balcani al tempo della guerra. La storia le conferirà il posto di onore e rispetto che si meriterà. Per il momento sta nelle cronache e nel gossip con altrettanto merito e rispetto guadagnato sul campo. Commento inviato il 24-05-2016 alle 05:12 da anonimo

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ