• Home > Gossip > INSIEL FVG: LA DIRETTRICE FILIPPIN VERSO LE DIMISSIONI
  • stampa articolo

    INSIEL FVG: LA DIRETTRICE FILIPPIN VERSO LE DIMISSIONI

    468A

    Più che scintille sembrano essere saette quelle scoppiate fra il direttore generale di Insiel Fvg, Maria Grazia Filippin e il presidente Simone Puksic (vedi foto). Appena nel marzo 2015 Puksic annunciava l'arrivo della Filippin come un motivo di orgoglio e di eccellenza per Insiel, adesso i due sono ai ferri corti. Diversi i punti di disaccordo a partire dai corsi di formazione fino alle spese, ritenute eccessive, sui costi dell'Internet Day. E' per questo che la dott.ssa Filippin avrebbe annunciato le sue dimissioni mettendo in forte imbarazzo e difficoltà il giovane manager troppo attento ai proclami e meno al concreto.

  • Commenti

    123
  • il discorso delle 2 sedi a udine può anche essere secondario, invece il fatto che le sedi di udine siano le più produttive e al tempo stesso le più bistrattate è indiscutibile. Guarda caso delle oltre 90 persone sotto citate con ruoli poco chiari improbabili ecc. solo una decina hanno sede a udine. Con Udine si vuole sempre fare produzione e soldi, mentre si pretende di dire che da Trieste arriverebbe chissà quale supporto a ciò. BALLE! Commento inviato il 29-07-2016 alle 03:57 da Anonimo
  • Ultima "chicca"!! Una nuova sede "udinese" per Insiel!! ... anzi ... DUE! Eh sì, ...a studiarla non poteva venir meglio!! Si è trovato il modo di comprimere ed avvilire la forza "lavoro" friulana -più produttiva- dell'azienda, infilandone una parte nella "scatola" di via del Cotonificio ed un'altra a Felletto, ..... ben distante (...ma vicino a casa Puksic)! Come concepire un modo più "geniale" di favorire le sinergie interne tra chi sviluppa e chi fa la relativa assistenza su ciò che si è sviluppato?? Pazzesco!! ...e pure ci si compiace di una simile "cazzata"!! Commento inviato il 26-07-2016 alle 05:28 da Anonimo
  • le voci sulle dimissioni si sono rivelate false. è seguita una riorganizzazione che assegna ad oltre 90 persone ruoli abbastanza improbabili di innovatori, enterprise architect, sviluppatori trasversali. questa può essere l'ovvia conseguenza della decisione di abbandonare lo sviluppo, tuttavia la presenza di 90 persone con questi ruoli non può che far storcere il naso, sia ai colleghi che alla proprietà, qualora si accorgesse che cosa stanno facendo le persone di sua fiducia. Commento inviato il 11-07-2016 alle 04:09 da Anonimo
  • Insiel : questa bestia che tanto interessa per il suo mercato. Da software-house della Refione FVG (capitale Regione ma dipendenti con contratto privato metalmeccanico)che gestiva 1300 Comuni + diverse aziende Sanitarie in tutta Italia prima della Legge Bersani è stata ridimensionata a Società di Servizi pe rla RFVG. In questo modo non sviluppando i programmi strategici (ed è quello che stanno facendo ....) la stanno distruggendo, annichilendo, in modo da creare una scatola vuota. Una Società di Informatica a Livello Nazionale, collegata al PD (anzi creatura del PD) sta già vendendo suo software ai Comuni, con il benestare sia della politica che dei tecnici della Regione. Ma i Comuni non hanno firmato una Convenzione Gratuita con la regione FVG per l'utilizzo di tutto il software necessario per la grestione del Comune o dell'Ente, a partire dall'Anagrafe, ai Tributi, alla Posta sia elettronica che certificata, al Protocollo .. Come mail la Corte dei Conti e la GDF non controllano come mai, in periodo di crisi e di spending review tanti Comuni, e Enti, spendono soldi pubblici per acquistare quello che potrebbero avere gratis, probabilmente perchè non agganciato al partito interessato ....... Vedremo quando tra pochi anni (al massimo 5) 750 famiglie saranno senza lavoro grazie ai maneggi di certa politica .............. Commento inviato il 20-06-2016 alle 02:53 da Stella Rossa
  • I latini dicevano "qui prodest". Se il PERBENISTA è stato invitato o imbeccato a lanciare un articolo posto su questi "precisi binari", .... a chi giova?? Qualcuno ne sa qualcosa? Commento inviato il 25-05-2016 alle 01:55 da Anonimo
  • Establishment, "real knowhow", "potenti lobby interne ad Insiel", massoneria, ... magari pure i "servizi bulgari"! ..ma che è stà società, la CIA?? Commento inviato il 25-05-2016 alle 01:08 da Anonimo
  • ... già, forse il PERBENISTA ha sbagliato titolo, o forse è stato mal indirizzato!! Dei tre della foto la Filippin è probabilmente l'unica che dovrebbe restare!! Commento inviato il 25-05-2016 alle 00:47 da Anonimo
  • Concordo. Vediamo di concentrarci sulle cose concrete, sulla qualità, troppo spesso modesta, dei sw prodotti e forniti e sull'ascolto dell'utenza che li utilizza, sui livelli di assistenza, sui problemi di turn-over e di professionalità. Sostanza, non immagine, annunci ed apparenza, caro Puksic! Commento inviato il 25-05-2016 alle 00:03 da Anonimo
  • la divertente storiella di filippa e licursio non sono in grado di smentirla, ma mi pare un gossip buttato lì per screditare le persone. difficile dare una lettura certa delle cose con le mie informazioni e dal mio modesto punto di vista, ma non mi stupirei se le potenti lobby interne ad insiel stessero facendo di tutto per fare andare via le poche persone che almeno danno qualche segnale di cercare un ragionevole cambiamento in meglio, basato su cose concrete e non su cose di facciata (internet day, job title farlocchi, inutili corsi di social network). Commento inviato il 24-05-2016 alle 13:53 da Anonimo
  • MandiMandi, potrebbe darsi, ma mi pare difficile. Tale tipo di forzature sono tipiche della politica, vecchia o nuova che sia. Tra Puksic e la Filippin la parte politica è certo incarnata dal primo! Oltretutto non penso affatto che la Filippin sia così ben integrata nel sistema come affermava in precedenza Dasy: proviene da altri mondi, da altre realtà, da altro tipo di esperienze professionali. Penso al contrario che abbia solo cercato e cerchi di capire la nuova realtà, prendendo tempo e limitando i suoi rapporti iniziali solo a poche essenziali figure di vertice, cosa che, peraltro, pur se cauta e sensata, non aiuta affatto a correlarsi proprio con quei quadri e quei soggetti che detengono il "real know-how" all'interno dell'azienda. Spesso per capire la realtà del condominio è meglio parlare con il portiere!! Commento inviato il 21-05-2016 alle 00:22 da GolaProfonda
  • Insiel assume solo laureati? Forse da caso a caso. Mi dicono che c'è stata una recente ricerca di un dirigente senza laurea per coprire la posizione di un altro dirigente oggi senza ruolo. Pukcsic da questa gestione deve aver preso le distanze . Commento inviato il 20-05-2016 alle 17:06 da mandi mandi
  • Desy e Ortensia portano evidentemente un punto di vista "interno". Bene. Considerazioni preziose. Ma proviamo a vedere la situazione da un punto di vista esterno. Primo handicap imposto dalla proprietà politica regionale: ne Puksic ne la Filippin hanno esperienze di "informatica pubblica" malgrado ciò sia il core business di Insiel !! Assurdo. Puksic pare appoggiato da una "lobby privata di Tavagnacco", da cui proviene, e, probabilmente dall'on. Coppola: un soggetto privato ed uno accademico. Altri soggetti della Giunta paiono piuttosto lontani da competenze dirette nel settore ICT. Da queste banali osservazioni si ben comprende che il "real know-how" pubblico pare del tutto ignoto a costoro. Chi quindi "detiene" le conoscenze dirette necessarie per gestire davvero, operativamente le cose? Proprio da quel citato "establishment" di Insiel (una cinquantina di "quadri chiave" e figure affini) e da alcune figure professionali della Regione (nonchè talune della PA). Se questi ultimi soggetti non vengono partecipati dai primi, riconosciuti per le loro competenze -vitali-, pienamente coinvolti e gratificati, ...non potrà mai essere avviato nessun concreto rilancio. Solo con un azione di umiltà culturale dei soggetti politici di vertice si può sperare di avviare un vero cambiamento di Insiel. Senza conoscenza reale ed umiltà non c'è possibilità di concreta gestione ne futuro! Commento inviato il 19-05-2016 alle 10:42 da GolaProfonda
  • Concordo con Ortensia... ma cosa volete che possa fare un Presidente contro l'establishment interno dell'Insiel e dell'amministrazione regionale!? Lì è tutto il meccanismo che è malato e sembra che la Filippin si sia ambientata benissimo. Per non parlare delle risorse umane ridotte a "larve supine e sofferenti" come dice bene Gola Profonda, e ci voleva uno che è stato anni direttore del personale di una grande multinazionale per gestire le persone così?? All'Insiel ci vorrebbe la rivoluzione come ci vorrebbe in tutta la burocrazia regionale. Commento inviato il 19-05-2016 alle 09:42 da Desy
  • Mah il petegolezzo non è una cuestione di secondo piano.Ai vertici delle aziende,tra capo e sottoposto,le storie di corna sono pericolosissime per l azienda.Si creano favoritismi e meccanismi di riccatabilità... Riguardo al comunicato sindacale ... il Presidente di società come Insiel non ha poteri di spesa,tutto deve passare davanti agli occhi della Filippin,quindi poche ciance. Interesante anche il fatto che insiel assume solo laureati ma finanzia Istituti Superiori(come Volta o Kenedy...)...forma della gente che non assume...soldi nostri butati nel wc. Pukcsic mi sembra il male minore...forse era quelo che poteva cambiare le cose ma e rimasto incastrato negli ingranaggi della burocrazia pubblica Commento inviato il 19-05-2016 alle 09:20 da Ortensia64
  • Bravo Bob,... meglio tornare alle cose concrete ed urgenti!! Commento inviato il 19-05-2016 alle 01:32 da pipino

Responsabilità dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli è unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

MARCO BELVISO
CASELLA POSTALE
N°30 UDINE CENTRO
perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ