il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

LA SEXY PROF ANNA CIRIANI SFIDA IL CENTRODESTRA

Anna Ciriani (vedi foto), giovane e bella donna laureata in storia è insegnante di ruolo in una scuola di Prata. Nel 2007 durante una sua vacanza con la famiglia a Berlino decide di accettare una provocazione e di girare nuda alla locale fiera dell'eros. Episodio che la fece girare in rete per tutta Italia ma che le diede anche dei notevoli grattacapi per via della sua professione tanto da essere sospesa dall'insegnamento per sei mesi. Da parte sua, ci assicura, nessuna volgarità e nessuna ambizione da pornostar ma un semplice inno alla libertà. Alcuni mesi fa, prosegue nel suo racconto, era stata contattata dall'autonomista Gianni Sartor un esponente della lista civica Salviano Pordenone. Porte spalancate anche dall'ex leghista Riccardo Piccinato, a sostegno della candidatura a sindaco di Renzo Muzzin. Passa qualche giorno dalla proposta che la sexy professoressa viene ricontattata dagli ex leghisti che le spiegano che "le altre donne della lista" sono contrarie alla sua candidatura. Anna Ciriani non si perde d'animo e da convinta elettrice di centrodestra si rivolge ad Alessandro Ciriani per proporsi come candidata in una delle varie liste a suo sostegno. Anche in questo caso dopo tanti sorrisi i "capi" del centrodestra locale le chiudono la porta in faccia. "Trovo vergognoso - afferma Anna Ciriani - il comportamento di alcuni esponenti politici contrari alla mia candidatura. Si ergono tanto a paladini a difesa dei diritti e delle libertà dei cittadini e invece sono i primi che mi discriminano come donna dipendente nel pubblico impiego, laureata, nata e residente a Pordenone." Intanto, secondo alcuni ben informati, si sente già lo scricchiolio di qualche armadio "forzista" con degli scheletri chiusi dentro. Da parte sua, Anna Ciriani, ci assicura che non intende mollare la sua battaglia e che a parte qualche foto amatoriale non ha nulla di cui doversi giustificare o vergognare in confronto a tanti altri altri "galletti" impegnati in prima fila in politica e non solo...