**
  • Home > Gossip > CARNIA: IL POPOLO DELLA RETE VUOLE GIUSTIZIA
  • stampa articolo

    CARNIA: IL POPOLO DELLA RETE VUOLE GIUSTIZIA

    436A

    E' record assoluto di visite in questi giorni sul nostro blog e sulla pagina Facebook del Perbenista (vedi foto), dopo la pubblicazione dei due post dedicati agli sperperi e spese infondate compiute in Carnia negli ultimi dieci anni. Le segnalazioni che ci sono giunte da pubblici amministratori e privati cittadini sono tantissime e molte di queste sono diventate oggetto dei post sopracitati. In allegato ci hanno inviato fotocopie di documenti ed atti amministrativi che chiunque potrà vedere se vorrà. Sulle basi di questo materiale e di quanto altro ci giungerà nei prossimi giorni organizzeremo un vero e proprio reportage televisivo sull'Impero della Carnia, dove alcuni politici ed imprenditori si sono arricchiti sulla rovina di tantissimi concittadini. Ovviamente sono tante anche le minacce di vario genere che ci sono giunte per metterci a tacere: alcune sotto forma di vera e propria violenza, altre sotto forma di lite temeraria. Insomma, qualcuno ci vuole mandare in ospedale e qualcun altro (credo le stesse persone in realtà) in ospedale. Ma noi non ci fermiamo e fiduciosi nella giustizia andiamo avanti come ci viene chiesto dai nostri lettori. Faccio presente, a quanti ci minacciano, che è proprio la norma Cantone che invita pubblici dipendenti ed amministratori a corrente di illeciti a segnalare quanto sanno alle dovute autorità senza timore di "ripercussioni" dai rispettivi vertici. Quanti sono stati oggetto di segnalazione erroneamente potranno replicare ed avranno tutto il loro spazio per rispondere e ricevere le scuse dovute. A questo punto la nostra unica speranza è che gli organi competenti facciano il proprio dovere e non si limitino a fingere di non aver letto...

  • Commenti

  • I carnici non si devono lamentare. I politici che li rappresentano li hanno eletti loro. Sarebbe opportuno invece che uscissero da quel torpore in cui si trovano e "mostrassero la faccia" invece che continuare con i discorsi ed i proclami da osteria. Si lamentano che continuano a sperperare soldi pubblici. Lo hanno fatto per decenni ormai ed è diventata una prassi. Chi ha mai visto un politico della Carnia a dire no per esempio a tutti i contributi che venivano elargiti per costruire cattedrali nel deserto? Nessuno! Da Forni di Sotto a Pradibosco ed a tante altre iniziative fallimentari lo sperpero è sotto gli occhi di tutti e chi sa di chi è la colpa dovrebbe avere il coraggio di non rivorgergli più la parola ed evitarlo sia pubblicamente che socialmente. Una volta che cominciano a capire l'emarginazione a cui andrebbero incontro, ci penserebbero due volte ad avallare la concessione di contributi come hanno fatto finora. Lo stesso dicasi per la banda larga o la RAI. Per quanto riguarda la banda larga penso che dovrebbe essere il governo ad obbligare le aziende tipo Telecom, che se vogliono le concessioni con la "polpa" delle grandi città, devono garantire i servizi anche a tutti i centri abitati sparsi sul territorio nazionale con un minimo di "tot" abitanti. Per quanto riguarda la RAI, Rensi ha toppato di brutto. Dovremmo costruirgli una Statua della Libertà (come quella di New York) con le catene ai polsi ed alle gambe. A lui che sa tanto (si fa per dire) l'inglese, qualcuno gli avrà detto cosa significa "FREEDOM"? Ma qui c'entrano anche tutti gli amministratori locali che non sanno unirsi per ottenere qualcosa assieme a beneficio della popolazione. E questo non vale solo per la Carnia, ma per tutto l'arco alpino e giù attraverso gli appennini fino in Calabria. Renzi avrebbe dovuto obbligare la RAI a criptare il segnale (basta schiacciare un interruttore) e chi la vuol vedere paga. Questa sì che sarebbe LIBERTA'. Così chi abita in montagna e che vede solo due o tre programmi, pagherebbe (se vuole) solo per quelli e non anche per tutti quelli che lui non vede (e sono tanti) ma che a Roma ed in altre città vedono. Ecco. Questa è una di quelle cose per cui Renzi sarà sicuramente ricordato. Mi dispiace per lui ma non sarà proprio un bel ricordo. D'altronde chi non si ricorda di Fornero, Monti, Letta...? Io li ricordo sempre nelle mie preghiere. E spero di non dover più pregare per loro quanto prima. Forse se preghiamo tutti e Dio ci ascolta... Commento inviato il 02-04-2016 alle 02:42 da GG
  • Condivido in pieno le finalitá e i contenute della Nirma Cantine e personalmente non condivido le minacce. Tuttavia va ricordato che ingiurie, false attestazioni e dichiarazioni o acuuse mosse verso singole persone, se non veritiere, possono determinare spiacevoli azioni legali da parte delle persone "offese". Eventuali scuse sul blog, come suggerito, credo che abbiano poca presa. Se avete certezza di un reato ci sono altri modi per chidere giustizia ed è giusto farlo specie se si tratta di soldi pubblici. Altro conto è criticare scelte politiche. Commento inviato il 28-03-2016 alle 09:06 da Avvocato del diavolo
  • La comunitá montana della carnia governata da Not (NOMINATO DALLA PRESIDENTE SERRACCHIANI) ha appaltato i lavori per la costruzione di un impianto sciistico a Pradibisco, dove ormai l'albergo collegato alle piste è stato chiuso da tempo. SOLDI BUTTATI VIA. Pensare che per raggiungere Pradibosco si deve percorrere un ponte lungo quasi 150 metri e dove due auto passano a stento. QUESTA SI CHE È POLITICA PER LA MONTAGNA... Piste che non servono a nessono, si fanno. Ponte che serve una intera vallata, non si fa. Su questo argomento silenzio assoluto. Forse sono notizie criptate. Commento inviato il 28-03-2016 alle 08:49 da Anonimo
  • E sui doppi incarichi, non vi ricordate cosa andava dicendo la serra? Doppi incarichi nel PD non possono esistere. Dipendenti del suo gruppo regionale in vari cda. Sindaci PD con presidenze in tasca. Ex sindaci sempre del PD in vari cda o enti che hanno a che vedere con le politiche regionali. Lei stessa che in regione fa un tipo di politica e poi quando fa scalo a Roma porta avanti le politiche nazionali del PD. Commento inviato il 28-03-2016 alle 08:36 da Tolmezzo libera
  • Problema migranti/tarvisio Commento inviato il 28-03-2016 alle 08:29 da Italiano
  • Cartiera Romanello chiusa... Automotive 6 milioni di euro... Commento inviato il 28-03-2016 alle 04:03 da Udinese
  • E scandalo vini?? Commento inviato il 28-03-2016 alle 03:54 da Bevitore
  • E Servola? Commento inviato il 28-03-2016 alle 03:50 da Triestin
  • In questi tre anni abbiamo visto molti articoli e conseguentemente diversi commenti rigurdo vicende più o meno importanti, più o meno veritiere, riferite sopprattutto alla montagna e alla Carnia. Tirando in ballo moni di spicco della politica locale che vanno dall'ex assessore Marsilio all'ex presidente Tondo ora entrambi consiglieri regionali, dall'ex consigliere Cacitti all'attuale presidente di Carnia Welcom Peresson, dal capogruppo di Forza Italia Riccardi al vice presidente Bolzonello, dall'ex sindaco di Sauris Lucchini all'ex sindaco di Socchieve Fachin, dal presidente dei Boschi Carnici Macchin all'Onorevole Savino, ball'attuale consigliere regionale Agnola a ex assessore Violino, Bene, ottimo. Ma quello che non capisco come mai dopo tre anni di governo Serracchiani, la stessa non sia mai stata nemmeno sfiorata da un articoletto, nonostante proprio per la montagna in questi tre anni abbia fatto ben poco, anzi si potrebbe dire solo danni. Con lei le Terme di Arta hanno nuovamente chiuso i battenti; gli ospedali come Gemona e Cividale chiuderanno i battenti; diversi punti nascita verranno chiusi; il mega progetto di promollo 70 milioni di euro verrá attuato alla faccia dei poli sciistici regionali; carniacque verrá assorbita dal cafc per poi passare a qualche gruppo ancor più grosso e distante, magari vicino a Bologna; ha sostenuto la formazione delle UTI con pressioni finanziarie verso i comuni contrari, impicciandosi su chi dovrá fare il presidente; ha consentito la chiusura del Tribunale di Tolmezzo; non ha evitato la chiusura delle poste in montagna; ha lasciato finanziare enti in rotta di collisione; ha nominato commissari nelle comunitá montane a suo piacimento, gli stessi tirati in ballo nei vari articoli del perbenista (capannoni, ciclabili, centraline, ecc. ); questione coopca scoppiata tra le sue manii ninostante una costante presenza in campagna elettorale; promesse del tipo si fifa palazzo Linussio a Tolmezzo durante le elezioni comunali; oppure in campagna elettorale alle regionali, com me se consiglieri indagati a casa e mi pare esser stata smentita dai fatti; oppure basta soldi agli alberghi diffusi e anche qui smentita in finanziaria; ecc. ecc. Eppure nonostante tutto ciò di un minimo articoletto sulla signora della frangetta, neppure l'ombra. Vien da pensare che qualcuno sia stato imbavagliato... Commento inviato il 28-03-2016 alle 03:46 da Imbavagliato
  • vai avanti almenu tu,Perbenista tanto gli organi competenti non faranno niente, non vedono ,non sentono, e non parlano Commento inviato il 27-03-2016 alle 12:20 da Anonimo
  • Comunque sia, felice Pasqua a tutti i Carnici. Commento inviato il 27-03-2016 alle 07:55 da IO
  • Propio aver raggiunto questo record mi fa riflettere, o i carnici sono i più corrotti, oppure sono più attenti alla cosa pubblica? Mi pare questa la vera risposta. Ciò che non succede a UDINE O TRIESTE. Commento inviato il 27-03-2016 alle 04:42 da carnico
  • E bravo Perbenista " muoia Sansone con tutti i Filistei" Commento inviato il 27-03-2016 alle 00:40 da Anonimo

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ