il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
PARENTOPOLI IN MARILENGHE AL TEATRI STABIL FURLAN

CACITTI: LIBERA IMPRESA NELLA CARNIA DELLA POLITICA

Andando a vedere la dichiarazione dei redditi dell'ex Consigliere Regionale Luigi Cacitti (vedi foto con l'ex assessore regionale ai lavori pubblici) per gli anni del suo mandato (2008-2013) e l'elenco nel periodo del suo mandato delle consulenze e delle collaborazioni con le amministrazioni pubbliche e/o società partecipate e satelliti del territorio del suo collegio elettorale si possono scoprire dati molti interessanti. Dalla dichiarazione dei redditi di Cacitti si deducono delle cifre di molto superiori al reddito percepito quale consigliere regionale. Si tratta di importi di un certo valore e ciò naturalmente vale per tutti gli anni in carica. Se poi si va a vedere nel territorio del suo collegio l'elenco delle consulenze e collaborazioni delle amministrazioni pubbliche e/o partecipate si vedrà che la somma delle parcelle percepite dal suo studio di "Progettazione e sicurezza cantieri" sito in via Ermacora a Tolmezzo vanno a coprire la differenza dell'importo del reddito dichiarato con quanto percepito in qualità di consigliere regionale. Si tenga poi presente che gli incarichi attribuiti a cacitti hanno una matrice politica ben precisa, la sua, e cioè si tratta di amministrazioni di centrodestra. Si ricordino, tra i vari, i due incarichi del Comune di Socchieve, uno n°53 dd 28.06.2012 di euro 8.334,00 e l'atro n°82 del 13.11.2012 di euro 30.201,60. Entrambi, a voler essere precisi, hanno ben poco a che fare, almeno nei titoli, con la progettazione della sicurezza dei cantieri e quel che è certo è che sono stati assegnati dal sindaco di Socchieve Roberto Facchin, all'epoca addetto di segreteria del gruppo di Forza Italia con sede a Tolmezzo e assegnato a Luigi Cacitti, consigliere con delega alla montagna. Proseguendo nella verifica si scopre anche che tra i "clienti" in prima fila ci sono i fedelissimi sindaci di Forni di Sotto e Ampezzo e a seguire la C.M. e il Cosint, allora governato da Gianni Somma, le case di riposo di Tolmezzo, Villa Santina e Paluzza. Basta raffrontare i riparti effettuati dal servizio alla Montagna (e non solo) dell'amministrazione regionale con riferimento ai lavori pubblici e/0 alla sistemazione di centri storici, etc, perchè emerga una relazione diretta tra somme attribuite e incarichi percepiti. Inoltre sulla base dei tanti lavori ottenuti nel collegio elettorale durante il suo mandato, l'ex consigliere Luigi Cacitti a cui la Corte dei Conti ha contestato oltre 5mila euro per rimborsi chilometrici a detta dello stesso Cacitti dovuti a spostamenti connessi all'attività politica, si è "spostato" per l'attività di consigliere o di imprenditore?