il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
IL VICE PRESIDENTE DE LA QUIETE SMASCHERA IL DIRETTORE GENERALE GUARNERI

SANITA' FVG: CORSIE PREFERENZIALI E PROCEDURE DUBBIE

Dopo il provvedimento discliplinare adottato verso una funzionaria titolare di posizione organizzativa della Regione Fvg, un altro rumor rischia di rovinare il sonno dei zelanti dirigenti regionali. La Regione Fvg non risolve i problemi della disocupazione imperante con suluzioni eclatanti o innovative che la renderebbero un punto di riferimento a livello nazionale ma continua a trovare dei veri e propri rattoppi per migliorare la situazione lavorativa di pochi intimi fortunati. Dopo l'inquadramento nel ruolo unico regionale di due dipendenti del comparto sanitario, già comandati in regione, avvenuto a detta di molti regionali in sordina, senza tanto clamore neanche da parte dei sindacati, il duo Marcolongo (vedi foto) - Finardi ci riprova: sono già pronte le  procedure per un nuovo inquadramento nel ruolo unico regionale, questa volta di quattro dipendenti sempre provenienti dalla sanità. Una prima domanda che andrebbe fatta potrebbe essere: non si pensa che un'O.S.S. operatrice Socio sanitaria sarebbe più utile in corsia stante la carenza di personale negli ospedali o una fisioterapista potrebbe essere utilizzata nei distretti dove vi è carenza cronica di specialisti della riabilitazione? La seconda domanda, forse quella più cruda ed importante: sono state espletate tutte le procedure previste dal decreto legislativo 165/2001 e in particolare dall'art.30 dove viene prevista la pubblicazione sul proprio sito istituzionale, per un periodo pari almeno a trenta giorni, un bando in cui sono indicati i posti che intendono ricoprire attraverso passaggio diretto di personale di altre amministrazioni, con indicazione dei requisiti da possedere? Sarebbe stato imbarazzante fare un bando in cui si prevedano fra i requisiti il diploma di O.S.S. o di fisioterapista.

TU Pubblico Impiego: Titolo II - Organizzazione;

Decreto legislativo, 30/03/2001 n°165, G.U. 09/05/2001 -

Art. 30: Passaggio diretto di personale tra amministrazioni diverse.

1) Le amministrazioni possono ricoprire posti vacanti in organico mediante passaggio diretto di dipendenti di cui all'art.2, comma 2, appartenenti ad una qualifica corrispondente e in servizio presso altre amministrazioni, che facciano domanda di trasferimento, previo assenso dell'amministrazione di appartenenza. Le amministrazioni, fissando preventivamente i requisiti e le competenze professionali richieste, pubblicano sul proprio sito istituzionale, per un periodo pari ad almeno trenta giorni, un bando in cui sono indicati i posti che intendono ricoprire attraverso passaggio diretto di personale di altre amministrazioni, con indicazione dei requisiti da possedere.