il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

CENTRALE BIOMASSE: SPITALERI LEGALE DAL 2013

Con decreto del direttore centrale ambiente e lavori pubblici venne concesso al Comune di Sauris, per la realizzazione del progetto denominato "Completamento della rete di teleriscaldamento e produzione di energia da biomassa in località Velt un contributo di euro 849.250,00, a fronte di una spesa ammissibile determinatain euro 1.075.000,00 e che per la parte non coperta da contributo è stato contratto un mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti dell'importo euro 225.750,00 a totale carico del Comune di Sauris; con contratto rep. n.1165 Seg. com.le del 20.12.2007 i lavori sono stati appaltati alla Ditta Sina impianti srl di Pordenone, in qualità di capogruppo dell'Associazione Temporanea con la Ditta Easy Light impianti srl per l'importo di euro 644.476,86; l'impianto al termine dei lavori risultò non funzionante e quindi non utilizzabile per la produzione di energia.  In data 8 agosto 2013 viene affidato il servizio legale per tutelare il Comune di Sauris dai danni patiti e patiendi conseguenti al mancato funzionamento dell'impianto di Teleriscaldamento a bio massa syn gas, sito in loc. Velt del Comune di Sauris nei confronti della ditta Sina impianti srl, allo Studio Legale Associato Spitaleri (vedi foto) e Romanini di Udine, per l'importo di euro 4.970,68 (apri allegato Pdf). In data 30 aprile 2014 vista la richiesta pervenuta al protocollo con il quale lo Studio legale dell'Avv. Salvatore Spitaleri quantifica in euro 1.466,00 l'onere a carico dell'ente e considerata la notevole importanza che riveste l'esercizio dell'azione legale di fronte a siffatti danni e ritenuto pertanto necessario rispondere positivamente alla richiesta determina di impegnare la somma sopracitata. Oggi l'avvocato Salvatore Spitaleri è il difensore dell'ex sindaco di Sauris Stefano Lucchini, indagato dalla Procura di Udine, in una mega inchiesta della Guardia di Finanza in cui sono coinvolte sette persone per i reati di concorso in truffa aggravata ai danni dello Stato, abuso d'ufficio e turbative d'asta.