il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

ROMANELLI: SCATOLE CINESI E CINQUE STELLE TRIESTINE

Il secondo livello delle scatole cinesi di Manlio Romanelli (Tcd srl) è composto da diverse società immobiliari. La Gir Srl (attualmente in liquidazione) ebbe una storia degna di essere raccontata. In uno scenario in cui Romanelli, tramite Tcd srl, importa all'interno delle sue società private (Media Tecnologies e M-Cube spa) i dati dei servizi sociali (dal DB WelfareGo), anagrafici, e catastali dei cittadini di Trieste (dal DB AOO), la Gir Srl sarebbe stata certamente in grado di analizzare il patrimonio immobiliare della città di Trieste. Questo poteva avvenire per il motivo che la Gir stessa pubblicava sul suo sito internet (http://www.romanelligest.com) sotto la voce "XYZ Lab". Riportava infatti la Gir: "Il patrimonio immobiliare necessita di analisi particolareggiate e secifiche da cui gli investitori possano trarre le migliori conclusioni per finalizzare questa operazione". E ancora "Gir ha realizzato un proprio strumento informativo per controllare e gestire gli assesti patrimoniali, denominato REGIS: Real Estate Geografich Information System". Come si vede, dunque, le società di Romanelli sono in grado non solo di sviluppare siti internet, ma anche di effettuare ben più complesse analisi dello stato patrimoniale di un territorio. Sono pertanto innumerevoli i vantaggi che un immobiliarista potrebbe ottenere dalle informazioni contenute nelle Base dati del Comune. Attraverso l'incrocio dei dati provenienti dai Servizi Sociali, dall'anagrafe, dallo stato civile e dall'IUC, sarebbe possibile, ad esempio, filtrare gli immobili della città di Trieste più convenienti da acquistare. La lunga mano di Romanelli, oltre alle scatole cinesi collegate alla Tcd, al potenziale controllo da background di una società partecipata dal Comune, alla possibile commistione fra servizi informatici e immobiliari, potrebbe essere anche quella che pone in situazioni "imbarazzanti" il consigliere comunale del M5S Paolo Menis (vedi foto), impiegato presso la M-Cube Spa (apri allegato e vedi visura Pdf). Come può, il Movimento 5 Stelle paladino della trasparenza e gran conoscitore delle potenzialità della rete non ravvisare in Menis un possibile conflitto di interessi nei suoi voti consiliari passati, presenti e ancor più futuri, qualora dovesse candidarsi alla poltrona di primo cittadino?