**
  • Home > Gossip > DIPENDENTE REGIONALE E BARISTA CONTEMPORANEAMENTE
  • stampa articolo

    DIPENDENTE REGIONALE E BARISTA CONTEMPORANEAMENTE

    54L

    Nel 2008 l'allora direttore centrale delle risorse agricole Augusto Viola, attualmente segretario generale della Presidenza del Consiglio Regionale Fvg, disponeva l'assegnazione degli incaricati alla gestione dell'inserimento delle presenze/assenze del personale. Fu in quell'occasione che vennero individuate una serie di incongruenze e successivamente di azioni sospette che furono oggetto di un esposto all'autorità giudiziaria oltre che agli stessi vertici regionali. Nonostante le tante prove e i tanti esposti, il "furbetto" denunciati non ebbe mai alcun tipo di richiamo o provvedimento disciplinare. Il servizio distaccato della Pesca e Acquacoltura aveva la sede periferica in viale Miramare 9 a Trieste, praticamente attaccato alla stazione. Ovviamente per il nostro furbetto, era scomodo dover prendere l'autobus per recarsi nel bar che gestiva assieme alla sua compagna e che era collocato in una via distante pochi minuti dalla sede regionale di Scala Cappuccini. Presto con gran fortuna tutta la struttura periferica venne trasferita in Scala Cappuccini. Così nel 2009 la struttura periferica della pesca e acquacoltura è stata trasferita e per il "furbetto" fu una gran festa: ogni mattina arrivava in ufficio alle 7.00 timbrava e poi si recava a fare i caffè nel suo bar, per poi rientrare "in servizio" alle 9.30. Inoltre aveva dalla sua parte una guardia giurata che oltre a controllare chi entrava ed usciva da quella struttura, custodiva anche il suo badge con il compito che, qualora ci fossero stati dei problemi, avrebbe timbrato per lui. Nonostante le varie segnalazioni e i vari documenti allegati in cui si domostrava anche la sua titolarità del pubblico esercizio, il protagonista di questa vicenda non ha mai avuto alcun fastidio tranne quello di sospendere la sua attività al bar per un paio di anni...Poi passata la bufera ha tranquillamente riaperto il bar a Trieste. Attuamente la sua dirigente è in servizio a Udine, come pure l'inserimento delle sue presenze ed assenze viene effettuato a Udine.

  • Commenti

  • Udite udite, a Tolmezzo un noto dipendente pubblico e notissimo frequentatore di osterie, in qesti giorni ha cominciato e disertare gli ambienti pubblici di suo gradimento. Merito delle leggi appena applicate da Renzi (giá inventate da Brunetta a suo tempo)? Merito di una lavata di testa da parte della Serracchiani (dubito)? O solamente perchè si sta c... addosso? Commento inviato il 21-01-2016 alle 14:14 da Tolmezzo libera
  • Aiutami a capire...mica un socialista? Commento inviato il 21-01-2016 alle 14:06 da IO
  • Onestamente, è più facile andare per esclusione. Tolto Il Presidente Pecile, persona che ricordo intellettualmente onesta e Dc vecchio stampo e, Beltrame che si dimise e non partecipò a certe porcate contro l'unico missino di destra al Cafc. Come si usa dire, con le budella di uno strozzare gli altri. Comunque, se e quando si troveranno, al cospetto di quello che Vede e Provvede: saranno ca...zi loro. Commento inviato il 21-01-2016 alle 10:01 da Vittorio Scialpi-Destra
  • Chi era a suo tempo a capo del Cafc? Commento inviato il 20-01-2016 alle 14:43 da IO
  • Non raccontiamoci balle. Nulla avviene senza il benestare e la protezione dei dirigenti complici: che vadano licenziati in blocco Il sottoscritto nel 1984, fui licenziato da alcuni farabutti del Cafc, perché a loro dire: esercitavo attività commerciale. A nulla valse la giustificazione che: si era trattata del solo acquisto di una licenza commerciale per una figlia minore, con la conseguente cessione alla maggiore età a pochi mesi di distanza. Nemmeno il fatto che durante tutto il giorno ero al lavoro e, alla distanza di oltre 60 Km, senza alcuna assenza e senza che in alcun modo potessi partecipare a qualunque attività. Al momento della contestazione, tutto ciò era già avvenuto e, non era mai esistito alcuna incompatibilità (la sola proprietà temporanea di qualche mese di una licenza non è incompatibile). Il Tar Fvg, condannò il Cafc e mi reintegrò in servizio, con una motivazione che in modo elegante li paragonava a dei farabutti. Non contenti, non obbedirono ai giudici, ricorsero al Consiglio di Stato, adducendo tra l’altro che il mio posto di lavoro l’avevano assegnato a un altro. Dopo oltre quattro anni, presente in aula, il Presidente, sul caso, chiese scusa da parte della Consiglio di Stato, per la porcata fattami dal Cafc e la conseguente reintegra, tutto risolto? Ho dovuto insistere con il mio legale e personalmente per andare a lavorare e, mi hanno tenuto a casa per un altro anno. Se sei un adepto di certi ambienti pseudo amministrativi, puoi fare tutto quello che vuoi: tanto ci sono sempre altri che lavorano per tutti Commento inviato il 20-01-2016 alle 10:48 da Vittorio Scialpi-Destra
  • "...protetti dai superiori.." eccerto! I superiori qualche "fufigna" l'hanno fatta, magari anche con la complicità del subordinato che, se poco serio, ha gioco facile a farsi i fatti suoi. Non esistono cattivi soldati, ma solo cattivi comandanti. Commento inviato il 20-01-2016 alle 10:27 da lupopaziente
  • Concordo con Anonimo, forse un po meno del 95%... ma di fatto quelle misera percentuale che non fanno parte dei seri, rovina l'immagine di tutti. Non capisco come mai nessuno prenda provvedimenti. Forse si sentono protetti?! O intoccabili?! Commento inviato il 20-01-2016 alle 08:41 da Rexton
  • sono certa che il 95% dei dipendenti pubblici sono seri, pochissimi fanno i furbetti consapevoli di essere protetti dai superiori Commento inviato il 20-01-2016 alle 07:02 da Anonimo
  • e poi uno si chiede come mai l'italiano nn crede nello Stato nella Giustizia e nella PA ! E di conseguenza pensa che le tasse siano soldi buttati dalla finestra quindi, se possibile, meglio nn pagarle!! La cosa va avanti da secoli e nn cambiera' niente nemmeno Renzi ce la fara'! Commento inviato il 20-01-2016 alle 06:49 da al di codroipo
  • Ieri e ieri l'altro è stata notata una sensibile riduzione del numero delle persone che erano solite uscire dal palazzo per prendersi un caffè nella zona di via Sabbadini. Come mai ? Commento inviato il 20-01-2016 alle 06:25 da uadul

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ