**
  • Home > Gossip > REGIONE FVG: BADGE PER DIPENDENTI FERMO ALL'ORA LEGALE
  • stampa articolo

    REGIONE FVG: BADGE PER DIPENDENTI FERMO ALL'ORA LEGALE

    100b

    Come si può chiaramente vedere dall'immagine (vedi foto) lo scatto è stato fatto lunedì 11 gennaio alle ore 11.49 all'ingresso dell'Ufficio della Regione Fvg in via Sabbadini a Udine. Il lettore di Badge è ancora fermo all'ora legale, quando dal 25 ottobre 2015 è tornata in funzione l'ora solare. Non a caso l'orologio del Badge strisciato dal pubblico impiego regionale è un'ora avanti rispetto al giusto. Ma come è possibile che da oltre tre mesi nessun funzionario o dirigente regionale se ne sia ancora accorto e perchè non è stato sistemato? Come possono essere fatti i dovuti controlli su eventuali ritardatari o assenteisti se nessuno controlla lo strumento adibito proprio a questo scopo? Quanti straordinari potrebbero essere stati pagati per sbaglio? Questa sera alle ore 21 "Il Perbenista" nel corso della consueta trasmissione su Udinese Tv trasmetterà il filmato al centro di questa inchiesta e ne parlerà assieme alla segretaria regionale della funzione pubblica della Cgil Mafalda Ferletti.

  • Commenti

    12
  • Se non sbaglio sull'orologio in alto a destra è scritto OFFLINE, quindi non è un orologio funzionante. E tanto meno un orologio con il quale effettuano le timbrature i dipendenti della Regione FVG che sono completamente diversi. Commento inviato il 20-01-2016 alle 04:26 da Claudia
  • Pur frut, trist e ignorantut, ti son manciadis quattri sberlis di to pari Marcut biel. Mandi Commento inviato il 15-01-2016 alle 10:34 da Anonimo
  • ...va bene, va bene, abbiamo capito... Commento inviato il 15-01-2016 alle 04:07 da Anonimo
  • Non avete altro da fare nella vostra vita...?...cercate il pelo nell'uovo invece di preoccuparvi dei veri problemi di questo paese...oh signur Commento inviato il 15-01-2016 alle 01:27 da sergio
  • a un regionale. Il fatto che Lei si risenta mi fa intuire, e La capisco, che lei fa parte di quelli tanti che lavorano e che poi vengono colpiti da commenti negativi in maniera impropria a causa di altri suoi colleghi (pochi per fortuna). Mi creda e non lo dico per sentito dire, ma qualcuno esagera... Commento inviato il 15-01-2016 alle 01:12 da Rexton
  • Informatevi invece di sputtanare Commento inviato il 14-01-2016 alle 15:31 da un regionale
  • ...e aggiorni l'orologio, sono le 20:48! Commento inviato il 14-01-2016 alle 12:49 da Silvia
  • Ma lei, sig. Belviso, di preciso che lavoro fa? Il blogger? Il giornalista? Almeno si documenti bene prima di sparare sulla croce rossa, o finisce col perdere la grande credibilità che ha. E niente caffè, mi raccomando, che fa male alla salute! Commento inviato il 14-01-2016 alle 12:47 da Silvia
  • Dai non stiamo a degenerare...volete che un dipendente pubblico con propria stanza e propria scrivania, con proprio telefono e magari posto macchina, non abbia diritti di andare in bar 15 minuti??? A noi che lavoriamo al tornio ci danni 30 minuti di pausa, a mio fratello che lavora a turni gli danno 1 ora di pausa caffè, a mio zio che lavora in cartiera glio danno 2 ore di pausa caffé, a mia zia che lavora in casa di riposo gli danno la pausa pomeridiana per bere il caffè, mio zio che lavora in miniera gli danno la pausa quando vuole e per quanti tempo desidera, mio nipote lavora in acciaieria e la pausa caffè gli è garantita ogni 5 minuti... Non facciamoci ridere...!!! Commento inviato il 14-01-2016 alle 09:39 da Paperino
  • Belviso, mai visto, ma ben tanti dipendenti... 15 minuti giornalieri... IN MINIERA!!! Commento inviato il 14-01-2016 alle 09:31 da Rexton
  • L'orologio famigerato è un orologio non usato al di fuori dell'area timbratura dove devono timbrare i dipendenti: come spesso gli accade il sig. Belviso la butta lì sperando di prenderci e poco male se avvia la solita gogna disinformata. Concordo sui controlli, ma ci sono le strutture e i dirigenti e se il bar è sempre pieno (cosa che non mi risulta)andrebbe verificata l'identità di chi vi si sofferma oltre i 15 minuti giornalieri consentiti: magari è il sig. Belviso e i suoi amici. Commento inviato il 14-01-2016 alle 07:17 da Pierpaolo Suber
  • Gli orologi di timbratura sono Solari e sono color argento. Le loro ore sono correttamente sincronizzate. Come al solito Perbenista diffonde notizie falsate. Informatevi prima di scrivere !! Commento inviato il 14-01-2016 alle 05:49 da putiferio
  • Ma siete mai stati nel palazzo della regione a Udine? e nel bar in particolare?? Sempre pieno di dipendenti regionali e sempre gli stessi, alla faccia di quelli che preferiscono passare il proprio tempo in ufficio (che sono per fortuna la stragrande maggioranza). Ci vogliono più controlli. Manderei tutti a lavorare almeno per un mese in cartiera o in fabbrica! Commento inviato il 13-01-2016 alle 15:24 da Rexton
  • La Regione ha tanti orologi e quindi basta segnare l'entrata in uno e l'uscita in un altro e guadagni un ora. A casa devono andare i tecnici super pagati e coloro che dovrebbero controllare ed invece evidentemnte si trastullano tutto il giorno, con questi la Regione è in caduta libera! Commento inviato il 13-01-2016 alle 14:18 da Anonimo
  • Non ci sono problemi: basta sottrarre 56 minuti e tutto è a posto. Tanto al 27 marzo si torna all'ora legale che dura 7 mesi, mentre l'ora solare solo 5. Perché lavorare a vuoto? Commento inviato il 13-01-2016 alle 12:09 da Anonimo

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ