il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

GIUNTA REGIONALE FVG CON AUTO BLU E SPESE FANTASMA

La legge regionale n.10/2013 della Regione Fvg norma gli stipendi della giunta regionale (vedi foto). Seppur è vero, che nel complesso, oggi un assessore regionale guadagna meno che prima del 2013, è anche vero che vi sono una serie di incongruenze e astuzie. Partiamo dall'utilizzo della famosa macchina blu, che ha cambiato il colore, in certi casi, ma è sempre presente con tanto di autista a disposizione. Tuttavia, nella busta paga di un attuale componente della giunta regionale fra le tre voci elencate compare anche quella del "rimborso spese per l'esercizio del mandato". Rimborso forfettario alla pari dei vari consiglieri regionali che, invece, non hanno l'utilizzo di una vettura di rappresentanza. Ma, se nel caso dei consiglieri viene giustificato tale rimborso per gli spostamenti sul territorio e i viaggi fra la propria residenza e la sede della Regione Fvg, in questo caso abilmente le motivazioni variano. Il "rimborso spese forfettario fisso per l'esercizio del mandato" di un assessore è pari a 2.450,00 euro mensili e sostituisce il vecchio "rimborso vitto" pari a 735,00 euro mensili. Inoltre, mentre in passato le varie spese sostenute dagli assessori dovevano essere rigorosamente rendicontate per il rimborso, oggi non occorre alcuna rendicontazione. Come dire che un assessore ha diritto ad essere rimborsato per 2.450,00 euro mensili anche se non effettua alcuna spesa (ricordiamo che per gli spostamenti utilizza l'auto blu). Torniamo quindi alla busta paga di un attuale assessore regionale e vediamo che è composta da tre voci: indenntà di carica (2.646,00 euro mensili), indennità aggiuntiva (6.300,00 euro mensili) e rimborso spese esercizio del mandato (2.450,00 euro mensili). Secondo gli estensori della LR n.10/2013 il rimborso spese per l'esercizio del mandato di un assessore regionale dovrebbe essere finalizzato a coprire i costi del vitto, dei corsi di aggiornamento e l'utilizzo del telepass su territorio regionale. Ma quali sono i costi del telepass se l'assessore utilizza l'auto blu? E da quando gli eventuali corsi di aggiornamento (quali?) sono a carico del politico? Un'ultima anomalia riguarda l'equiparazione totale di un assessore tecnico esterno con funzione solo amministrativa con un assessore eletto con funzione anche politica. Teoricamente l'utilizzo della vettura blu e i benefit sono utilizzabili solo per le missioni in veste da assessore, ma chi impedisce loro di muoversi sul territorio anche per ragioni politiche legate al proprio partito? E noi, paghiamo.