**
  • Home > Gossip > BUFERA SULLA QUIETE: CONCORSO SENZA PROCESSO SELETTIVO
  • stampa articolo

    BUFERA SULLA QUIETE: CONCORSO SENZA PROCESSO SELETTIVO

    332A

    Una nuova bufera di forte intensità è piombata sulla Quiete dell'Asp Udinese diretta da Stefano Gasparin (vedi foto). Come è noto, lo scorso 23 novembre il Consiglio di Amministrazione dell'Asp La Quiete di Udine ha deliberato la nomina (riconferma) del Direttore Generale Salvatore Guarneri, tuttora rinviato a giudizio per truffa ai danni dell'Inps. Alcuni partecipanti al concorso ci hanno segnalato delle gravi mancanze di coerenza del sistema o, per essere più chiari, delle procedure di selezione assai dubbie. Il dottor Franco Iurlaro non è stato ritenuto idoneo, pur se in possesso dei reuisiti, pur se iscritto nell'elenco regionale dei candidabili a Direttore Generale delle Asp, pur se, nel 2009, la stessa Asp La Quiete, lo aveva ritenuto idoneo a tutti gli effetti. Questa volta, un piccolo gruppo di qualificati e noti professionisti di questa Regione, chi consapevolmente, chi meno, ha deciso di sperimentare il processo selettivo dell'Asp La Quiete e qui si moltiplicano dubbi ed interrogativi sulla regolarità del concorso. In qualche caso sono già Direttori, in altre posizioni, e non avevano intenzione alcuna di coprire il posto a concorso, ma volevano capire come il Cda si sarebbe mosso. Ed infatti il Cda non ha chiamato nessuno degli idonei a colloquio e, verrebbe da pensare, non ha nemmeno letto i curricula pervenuti, avendo probabilmente sin dall'inizio l'intenzione di rinnovare l'incarico a Salvatore Guarneri. In ordine alfabetico, e con qualche dato indicativo, i sei idonei che nessuno ha voluto sentire e conseguentemente valutato, assieme a Guarneri sono i seguenti: BONETTA FABIO, Direttore Generale Aps ITIS Trieste, posti letto persone non autosufficienti oltre 400, milioni di euro gestiti in parte corrente per il 2015 circa 17, laurea in giurisprudenza; CAFFARO LUDOVICO, Direttore Generale Asp Spilimbergo, posti letto persone non autosufficienti oltre 200, milioni di euro gestiti in parte corrente oltre 10, laurea in giurisprudenza; CAPORALE DENIS, Direttore Generale Asp Carnia, posti letto persone non autosufficienti oltre 160, milioni di euro gestiti in parte corrente per il 2015 circa 6, laurea in giurisprudenza; DAMELE DANIELE, Dirigente Amministrativo Provincia di Udine, laurea in scienze politiche; GUARNERI SALVATORE, Direttore Generale Asp La Quiete, posti letto persone non autosufficienti circa 400, milioni di euro gestiti in parte corrente per il 2015 circa 17, laurea in medicina e chirurgia; IMPAGNIATELLO ANTONIO, Direttore Generale Asp e Resp. Servizi Socio Ambultoriali Ambito Latisana, posti letto persone non autosufficienti circa 60, laurea in giurisprudenza; WEBER ELENA, Direttore Generale Istituto Rittmeyer Trieste, posti letto persone non autosufficienti circa 70, milioni di euro gestiti in parte corrente per il 2015 circa 3, laurea in economia e commercio. Ripetiamo: nessuno degli idonei è mai stato contatto per una prova e nemmeno per un banale colloquio.

  • Commenti

    12
  • Forza Cosatto. Fagliela vedere Commento inviato il 03-12-2015 alle 16:10 da Anonimo
  • E di Cosatto? Commento inviato il 03-12-2015 alle 10:39 da Anonimo
  • E Sodde? Commento inviato il 03-12-2015 alle 05:45 da Anonimo
  • E il giudice Francesco Florit che dice ? Sará una ripicca postuma anche questa volta ? Lo scempio della protervia protetta continua....... Commento inviato il 03-12-2015 alle 04:39 da Anonimo
  • tra i danni di Guarneri c'è pure la gestione fallimentare della Fondazione Villa Rissuz, in due anni ha distrutto un patrimonio pubblico del valore di 20 milioni di euro Commento inviato il 02-12-2015 alle 21:01 da Anonimo
  • Ha ha ha .....appunto i grandi ! Commento inviato il 02-12-2015 alle 19:30 da ex PD
  • La calunnia disdegna i mediocri, si afferra ai grandi. Francesco Crispi Commento inviato il 02-12-2015 alle 18:01 da Citazini
  • ormai le carte sono scoperte. Probabilmente c'è un accordo centro destra e centro sinistra. Guarnieri dovrebbe chiedere i danni ma è un signore e non lo farà. Peccato! Del resto come diceva Andreotti il potere logora chi non ce l'ha. Ed in regione sono molti a non averlo. Per fortuna! Del resto ci sono molti ambiti su cui cercare di fare chiarezza e l'occasione è stata offerta ma non è stata colta. Commento inviato il 02-12-2015 alle 13:54 da un udinese
  • Bravo Guarneri , adesso nessuno potrà più sollevare dubbi su doppi , tripli , quadrupli incarichi tra pubblico privato , rinviati a giudizio o meno è quanto si voglia . Sarai l'esempio per tutti quelli che si troveranno a difendersi dalle incompatibilita' , le. Istituzioni sono avvisate !! Salvatore santo subito Commento inviato il 02-12-2015 alle 09:06 da Anonimo
  • Bisogna che il perbenista paghi i diritti a Guarneri per il numero di post che fa su di Lui Commento inviato il 02-12-2015 alle 03:17 da Anonimo
  • Questa volta la magistratura interverra' ? Commento inviato il 02-12-2015 alle 00:05 da Anonimo
  • Perbenista, da fonti certe, succede lo stesso su in cosint. Che fine ha fatto il nuovo statuto? Pare che venerdì in regione si appreovi, si bocci, o silenzio assenso? Riceca prossima figura apicale sul sito? Commento inviato il 01-12-2015 alle 22:39 da cio enzo
  • Si chiede trasparenza e non arroganza. Inoltre riteniamo che una persona non debba e non possa ricoprire il doppio ruolo di direttore generale e direttore sanitario quando non riesce a trascorrere più di un paio di giorni nella struttura che deve dirigere perchè impegnato altrove. Ecco allora il problema della mancanza sia di un direttore sanitario che di un direttore generale. Commento inviato il 01-12-2015 alle 21:41 da Il Perbenista
  • quanti Salvatore Guarneri ci sono in Regione? io credo una decina tra La Quiete, Federsanità anci, nella struttura di Trieste, all'ospizio marino di Grado, Cavaliere inseparabile dell'assessore regionale alla salute etc etc Commento inviato il 01-12-2015 alle 20:44 da Anonimo
  • L'unica testata senza bavaglio. Commento inviato il 01-12-2015 alle 20:36 da Anonimo

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ