il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

UN POLIZIOTTO GUADAGNA MENO DELL' AUTO DI UN POLITICO

In seguito all'approvazione della legge 10/2013 la busta paga di un consigliere regionale del Friuli Venezia Giulia è composta da tre voci: indennità di presenza, indennità di funzione e rimborso spese mandato. La prima voce corrisponde all'importante cifra di 6.300,00 euro netti mensili e ne hanno diritto anche coloro che per tutto il mandato non dovessero aprire mai bocca; la seconda voce varia da consigliere a consigliere a seconda dall'incarico che guarda caso comporta per tutti un compenso assai simile. I segretari dell'Ufficio di Presidenza del Consiglio percepiscono in busta paga ulteriori 1.134,00 euro mensili, quelli che sono presidenti di commissione e del comitato per la legislazione, come pure i vari capogruppo consigliari percepiscono un'aggiunta di 1.512,00 euro mensili alla pari dei due vice presidenti del consiglio regionale. Infine la terza voce, quella tipicamente da casta, è il "rimborso forfettario spese mandato". Forfettario perchè, a prescindere che un consigliere regionale sostenga spese di viaggio e vitto varie all'interno del collegio o per trasferirsi in auto da casa al Palazzo della Regione, ha comunque diritto a ricevere 2.500,00 euro netti mensili se residente a Trieste oppure Gorizia, ben 3.500,00 euro netti mensili se residente a Pordenone, Udine o Tolmezzo. A questo punto risulta piuttosto semplice fare due conti e arrivare al totale percepito da ciascun consigliere friulano (vedi foto busta paga): 11.312,00 euro di competenze, pari ad un netto di 8.491,01 euro mensili. Questa sera, ad esempio, il capogruppo in consiglio regionale di Forza Italia, Ricccardo Riccardi (vedi foto busta paga), assieme ai suoi colleghi azzurri, potrà tranquillamente andare alla riunione convocata da Giulio Camber e banchettare presso l'agriturismo di Monrupino grazie al rimborso forfettario pagato da noi cittadini. Sempre in Friuli Venezia Giulia un agente di Polizia in servizio presso la Squadra Volante ad inizio carriera percepisce 1.300 euro mensili per arrivare dopo venti anni di strada a 1560 euro mensili; per le ore totali di straordinario, compreso notti e festivi, con tutti i rischi che comportano, vengono sommate alla busta paga massimo 260 euro mensili. Come dire che il solo rimborso forfettario mensile che percepisce un consigliere regionale per recarsi una dozzina di volte da casa sua a Palazzo Oberdan a Trieste è pari quasi al doppio dello stipendio di un agente di Polizia comprensivo delle ore di straordinario.