il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
CLICCA SUL BANNER IN BASSO DI VIDEOTELEBLOG

LEGA NORD E MODERATI SCARICANO ALESSANDRO CIRIANI

Forza Italia e Lega Nord a Pordenone prendono tempo sul nome del prossimo candidato sindaco. Oggi la Lega Nord - dicono in coro i Padani - è il primo partito e spetta a noi dare le carte. Forza Italia va giù ancora più dura e Elio De Anna in attrito con Ciriani per vecchie questioni personali si rende disponibile a correre per la poltrona di primo cittadino. La recente convention di Bologna ha riunito Forza Italia, Lega Nord e Fratelli di Italia ma la corsa di Alessandro Ciriani (vedi foto) come indipendente con una sua civica potrebbe paradossalmente indebolirlo non essendo difeso da alcun partito al tavolo regionale. Massimiliano Fedriga, segretario nazionale e capogruppo alla Camera della Lega Nord che fino a qualche settimana fa sembrava certo di voler sostenere l'ex presidente della Provincia, oggi prende tempo e ci chiede di attendere ancora un mese, quando la Lega Nord avrà in mano il risultato di un sondaggio commissionato sulle intenzioni di voto a Pordenone e Trieste. Il segretario cittadino della Lega Nord pordenonese, Renzo Muzzin, possibile candidato in quota Padana ribadisce di attendere il risultato del sondaggio e di voler lavorare prima ad un programma condiviso. Una cosa è certa anche per Muzzin: il primo partito è la Lega Nord. Riccardo Piccinato, consigliere comunale della Lega Nord afferma che i vari partiti non hanno ancora chiuso alcun tavolo sul nome del candidato sindaco e che l'unico partito che rappresenta il rinnovamento vero è la Lega Nord e non certo chi è in pista da decenni. Più di qualche leghista infine fa notare come a sostenere Ciriani ci siano prevalentemente delle mummie, sebbene rispettabili, fra cui Tirelli, Alberto Rossi, Scotti e via dicendo. Walter Santarossa di Ar precisa che Autonomia Responsabile ci sarà con una lista propria su cui sta già lavorando. Il nome del candidato sindaco, secondo Santarossa, non è stato ancora individuato e condiviso. Non abbiamo mai parlato con Ciriani - conclude il consigliere regionale pordenonese - che va avanti per i fatti suoi senza confrontarsi con nessuno.