il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

IL PD PORDENONESE NON SA CHE FARSENE DEI VECCHI DC

L'immagine che vedete ritrae (vedi foto) l'ex potente capogruppo del Pd, Gianfranco Moretton, assieme ad alcuni suoi fedelissimi colleghi, fra cui Daniele Gerolin ed Enzo Marsilio. Poi la fuoriuscita del baffone di Prodolone in polemica con la governatrice Debora Serracchiani. Oggi, alle porte delle amministrative pordenonesi, abbiamo chiesto ai nuovi dirigenti del Partito Democratico Pordenonese se accoglierebbero volentieri, in una squadra con l'obiettivo di rilanciare la città, alcune vecchie guardie della prima repubblica Dc, fra cui lo stesso Gianfranco Moretton, Isidoro Gottardo e Michelangelo Agrusti. La segretaria cittadina Daniela Giust, imbarazzata dalla domanda non sa svincolarsi. Non osa dire di no ma non si sbilancia neppure per un si. Rivolgendosi a Moretton le scappa : "Prova ad avere un'idea invece di lamentarti sempre e tirati su le maniche"; non commenta Agrusti in quanto espressione di Confindustria e riconosce una buona volontà da parte di Isidoro Gottardo, che da perfetto Ncd sta con un piede a destra e uno a sinistra. Il capogruppo in consiglio comunale del Pd, Fausto Tommasello, si appella alla questione generazionale e si dice stufo di avere a che fare ancora con personaggi che hanno fatto il loro tempo. Secondo Tommasello, occorre una nuova classe dirigente in grado di risolvere la "vertenza" Pordenone. Ancora più esplicito il consigliere comunale democratico Sandro Del Santo: "Alvaro Cardin con la lista Vivo Pordenone è già un nostro alleato; per il resto di Isidoro Gottardo e Gianfranco Moretton non saprei proprio che farmene".