**
  • Home > Gossip > CAVALZERANI: IL DECRETO DELL'EMERGENZA CHE NON ESISTE
  • stampa articolo

    CAVALZERANI: IL DECRETO DELL'EMERGENZA CHE NON ESISTE

    24Q

    Nel luglio del 2015 partono i lavori per la ristrutturazione dell'ex Caserma Cavarzerani, in via Cividale a Udine, individuata come struttura Hub per la prima accoglienza dei richiedenti asilo che arrivano in Friuli Venezia Giulia. L'intervento è realizzato dalla Protezione Civile Regionale che anticipa le risorse necessarie. Si tratta di due lotti riguardanti la messa in opera dei lavori che andranno a dotare la struttura dei servizi igienici e dell'intera ristrutturazione della palazzina adibita a dormitorio e la realizzazione dell'impianto elettrico e di riscaldamento. Il primo lotto, già terminato e a breve consegnato alla Prefettura è venuto a costare 170mila euro, il secondo che vede gli uffici della Protezione Civile impegnati a indire il bando ammonterà a circa 450mila euro. La Protezione Civile guidata dal direttore Sulli e dall'assessore Paolo Panontin (vedi foto) si è assunta quindi l'incarico della progettazione, della riparazione del tetto, compresa la rimozione dell'amianto, e dei vari lavori di riallacciamento delle rete idrica ed elettrica. Tuttavia, in virtù della procedura seguita, pare che i lavori siano stati eseguiti senza le dovute autorizzazioni edilizie e senza il rilascio da parte dei Vigili del Fuoco e della Direzione Sanitaria dei certificati di agibilità. Cosa accadrebbe se qualcuno degli operai, dei tecnici o dei destinatari dovesse farsi male? Il tutto, come anticipato, è stato possibile grazie ad un decreto di emergenza generale e ad altri decreti legati presumibilmente alla natura sociale. Cerchiamo di essere più chiari: L'assessore regionale alla Protezione Civile per poter stanziare circa un milione di euro per l'accoglienza dei profughi, ha invocato l'emergenza di cui alla Legge Regionale 64/1986 art. 9 comma 2, che fa riferimento ai casi di calamità. Vi deve essere, pertanto, un vero e proprio rischio imminente per la popolazione e lo stato di urgenza. Ma in questo caso sarebbe stato firmato un decreto di prevenzione urgente su cui, in molti, nutrono forti dubbi di legittimità. Aspetto questo che oltretutto metterebbe in discussione, da parte del Governo Nazionale, il rimborso del milione anticipato dalle casse del Fondo Regionale per la Protezione Civile. Appare evidente che l'emergenza in questo caso è stata più quella di Torrenti intenta a sistemare i profughi richiedenti asilo che di altri. A gettare benzina sul fuoco, va aggiunto poi il fatto che la Protezione Civile Regionale ha "una lista di attesa" di interventi urgenti sul territorio per opere di assestamento e messe in sicurezza di circa 20milioni di euro che si vede superata dalla necessità politica di accogliere in palazzine ristrutturate e riscaldate i vari profughi.

  • Commenti

  • Visti i disastri che fanno i nostri governati, dove sono i giovani? Se ne fregano? Commento inviato il 05-10-2015 alle 19:38 da archimede
  • ci sara' da ridere quando i fondi saranno finiti, tra qualche anno... Ma tranquilli la Serracchiani sara' gia' lontata dal Friuli Commento inviato il 05-10-2015 alle 19:31 da al di codroipo
  • ehm! Scusa Perbenista chiamali CLANDESTINI perche' i profughi veri sono una minoranza! Commento inviato il 05-10-2015 alle 19:29 da al di codroipo
  • L'importante è che la "giustizia" si accanisce contro i deboli e le cause minori; la casta non si tocca mai ... Commento inviato il 05-10-2015 alle 19:18 da Anonimo
  • in Regione hanno abolito i controlli e la Casta è certa che tutto va liscio! da anni le Procure e la Corte dei Conti vengono zittite con regalie Commento inviato il 04-10-2015 alle 22:19 da Anonimo
  • Fanno i " benefattori " con i nostri soldi,a noi ci lavano tutti i diritti,ci restano soltanto i "doveri" pagare bollette,ici,imu, ecc..nel mentre agli immigrati si da tutto,peggio degli americani ...finiamola una buona volta ,e pensiamo a noi Italiani ,che siamo ridotti peggio di questi immigrati,che sfruttano codesta situazione,e qualcuno ci fa pure i soldoni... Commento inviato il 04-10-2015 alle 20:24 da anonimo
  • cjalcje il baton e salte il marSULLIo Commento inviato il 04-10-2015 alle 17:59 da Anonimo
  • Si va avanti senza voti, per gestire i terremoti, ma alla fine si è arrivati, a far la branda agli immigrati. Commento inviato il 04-10-2015 alle 14:02 da elettore ricordati
  • dalla filiera corta del legno........... alla filiera corta del clandestino. Li prendiamo a tarvisio e ce li teniamo qui con buona pace dell'unione europea che mette i 35 euro. Speriamo che quel buzzi & carminati non si arrabbino. Intanto i nostri col lavoro a spasso e dormire nella macchina Commento inviato il 04-10-2015 alle 14:00 da furlan

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ