il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
CLICCA SUL BANNER IN BASSO DI VIDEOTELEBLOG

ESCLUSIVO:DA ORTONA INTERROGATIVI SUL METODO PERSELLO

Riceviamo e pubblichiamo una mail ricevuta dal dott. Antonio Bruno, già consulente della Cantina Sociale di Ortona.

"Come da telefonata intercorsa questa mattina sono a precisare quanto segue a prescindere le distanze da quanto riportato dal vostro articolo del 13 settembre 2015 in cui mi si accomuna all'operato dello staff enologico della Cantina di Ortona. La mia societànon ha sede a Villorba, forse sede di chi mi ha sostituito, ma in un bellissimo paesino della provincia aquilana. La mia consulenza con la Cantina è stata voluta dall'allora presidente dott. Francesco Falcone, che era al suo ultimo mandato, che mi ha fortemente voluto per la creazione e lo sviluppo della rete commerciale dell'Azienda e il suo definitivo rilancio nel panorama vitivinicolo abruzzese. Il mio mandato parte dal 1 giugno 2013 a vendemmia già effettuata ed è allora che ho conosciuto Ramon Persello che aveva cominciato la sua consulenza enologica più o meno nello stesso periodo. Da dicembre dello stesso anno, dopo l'elezione del nuovo Presidente Lucio Di Bartolomeo sono cominciati quasi subito i contrasti tra me e la dirigenza che hanno precluso ogni mia possibilità di lavorare con loro a tutti i livelli e che hanno portato alla rottura definitiva in data 3 dicembre 2014 con il recesso del mandato da parte loro. Vi prego pertanto, di rettificare quanto da voi riportato e di non accomunare il mio nome a quanto accaduto anche perchè, non essendo un tecnico di cantina, ma solo un puro commerciale, il mio ruolo non ha mai avuto a che fare con le metodologie di vendemmia nè le tecniche enologiche di laboratorio che erano di pertinenza esclusiva dell'enologo, del Presidente e del Direttore di Cantina Orlando Galasso. Sicuro di aver chiarito la mia posizione, saluto cordialmente. Antonio Bruno"

PS - Ed è appunto, proprio durante la telefonata intercorsa fra Il Perbenista e Antonio Bruno, che quest'ultimo si dimostra stupito, seppur da osservatore estraneo e distante dall'inchiesta giudiziaria, che la magistratura abbia disposto delle verifiche presso l'azienda vinicola F.lli De Luca srl di Mozzagrogna (Ch) e non nella Cantine di Ortona, essendo Ramon Persello "in forza" in entrambe. Non solo: Antonio Bruno ci racconta anche di ricordare di aver lavorato assieme a Persello a dei vini già fatti, senza mettere mano alla vendemmia, ottenendo delle profumazioni inaspettate. Lo definisce un genio della chimica, ma ammette di non aver mai capito in che modo esattamente operasse.