il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

COLAUTTI'S DAY: EX DC E SOCIALISTI A CORTE

Questa mattina i telefoni udinesi erano bollenti, in particolar modo quelli del centrosinistra. La possibile candidatura a primo cittadino di Udine, del capogruppo in consiglio regionale Ncd, Alessandro Colautti preoccupa più di qualcuno. Sebbene la candidatura dovrebbe essere espressione di un'area moderata, Enzo Martines e Agostino Maio, sanno perfettamente che i relatori a sostegno del convegno odierno di Colautti sono tutti "troppo bipartisan". In particolar modo il mondo della cultura e dell'internazionalizzazione si sono sempre mostrati con il cuore a sinistra ma con il portafoglio socialista. Fra gli oltre 150 presenti, questo pomeriggio, si sono visti seduti nelle prime fila nomi noti della politica locale, fra cui Isidoro Gottardo, Paride Cargnelutti, Gianfranco Carbone, Fausto Deganutti, Vatri, Franco Asquini, Enrico Bulfone, Edi Colaoni, Nazzi e i due capogruppo delle civiche udinesi, Loris Michelini e Paolo Pizzocaro (vedi foto). In politica si sa che per candidarsi servono programmi e simboli elettorali prima di tutto, ma questo per il deposito delle liste. In realtà il primo ingrediente necessario è il nome del leader di un gruppo, il futuro candidato sindaco. Piaccia o non piaccia a democratici e forzisti vari, Alessandro Colautti è partito bruciando tutti sui tempi e costringendo le varie correnti del Pd e di Forza Italia all'inseguimento.