il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
CLICCA SUL BANNER IN BASSO DI VIDEOTELEBLOG

TOP WINE FVG: UN MONDO DI SOSPETTE CONNIVENZE

Da circa tre anni nelle riunioni precedenti alle vendemmie, l'ufficio repressioni frodi alimentari ha più volte invitato i viticoltori friulani a non fare utilizzo di "bottigliette". Questa è la confessione di uno dei produttori che da anni era a conoscenza delle magie dell'enologo Persello. Ora resta da capire in che modo venissero alimentati certi lieviti, ma sicuramente il trucco c'è anche se non si vede. Va capito quali aziende abbiano realmente goduto di queste magie in grado di esaltare profumi e sapori dei vini, in particolar modo di taluni Sauvignon. Un altro dato viene dato per certo: le aziende coinvolte nell'inchiesta non sono solo quelle 17 apparse in elenco fino ad oggi ma ve ne sono anche altre ancora più importanti. Fino ad un eventuale rinvio giudizio e sentenza di condanna va doverosamente ricordato che al mondo sono tutti innocenti. Qualche dubbio, invece, cosa più inquietante è che se tutto ciò è andato avanti per anni è stato grazie ad una micidiale connivenza. Molti nomi risultano pluripremiati dal Gambero Rosso e Slow Wine; ma i saputi degustatori di cotante guide prediligono i vini dopati? Inoltre le commissioni di degustazione della Doc Collio e Doc Colli Orientali che palato hanno per non aver mai sospettato nulla? Diverse aziende sotto inchiesta, hanno fatto passerella al Expo di Milano, come eccellenze del Friuli Venezia Giulia; resta da sperare che queste notizie non escano dalla Regione...