il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

AUTOVIE VENETE: SALVATE IL COMPAGNO CASTAGNA

Allo stato attuale il 27 ottobre 2015 si terrà l'assemblea per l'approvazione del bilancio e per la nomina del nuovo consiglio di amministrazione di Autovie Venete. Sarà solo in quella data che si capirà se, e come, verrà riconfermato ai vertici della Spa, l'attuale amministratore delegato Maurizio Castagna (vedi foto). La legge Madia è una vera spina nel fianco per il manager arrivato dal Veneto e la sua qualifica di "pensionato" lo esclude dalla possibilità di nuove nomine. A meno che, non si trova un modo per aggirare l'ostacolo. Le possibilità al momento sembrano essere due. Potrebbe esserci una proroga dell'intero cda fino al 31 marzo 2017, ma così oltre a Castagna resterebbero ai vertici anche Terpin (che non sarebbe in fondo un problema) e il leghista Matteo Piasente. Altra opzione per non rinunciare a Maurizio Castagna potrebbe essere quello di rinnovare regolarmente il cda, mandando tutti a casa, e recuperarlo nominandolo commissario o soggetto attuatore per la Terza Corsia. La Legge Madia, infatti, come è successo a Grado per Kovatsch, non viene applicata per le nomine dei commissari. Intanto Maurizio Ionico, scalpita per i corridoi dei Palazzi ricordando di essere stato lui, assieme a Renzo Travanut, l'ideologo di buona parte del programma elettorale di Debora Serracchiani ed in particolar modo dei capitoli sulle infrastrutture.