il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
PARENTOPOLI IN MARILENGHE AL TEATRI STABIL FURLAN

PER L'ANTIPATICO HONSELL ORMAI SOLO FISCHI E FIASCHI

La riunione di ieri sera fra i vertici delle amministrazioni comunali di Udine, Martignacco, Pavia di Udine, Pasian di Prato, Tavagnacco, Campoformido, Pradamano Pozzuolo e Pagnacco ha, come previsto, bocciato lo statuto Uti udinese. Ma il vero bocciato, il vero isolato, da alleati e avversari è risultato essere il sindaco di Udine, Furio Honsell (vedi foto inedita) considerato un peso scomodo dallo stesso Pd che non vedrebbe l'ora di liberarsene. Arrivare con questo clima alle prossime amministrative, con il forte rischio di aver perso nel frattempo Pordenone e Trieste, per la classe dirigente del Pd udinese è un rischio troppo forte. Nessun soccorso ad Honsell da parte della Serracchiani, di Maio, di Martines o di qualunque politico lucido del centrosinistra. Honsell e Panontin, i due personaggi della politica regionale più debole, non a caso non sono stati imbarcati nell'arca di Renzi e non ci sarà nessuno che li porterà in salvo terminata questa avventura di potere ed arroganza politica. Alle volte la dignità e l'altruismo dovrebbero far aprire gli occhi ai politici e far capire quando è giunto il momento di fare un passo indietro e lasciare tutto. Ormai in un mandato ricco di insuccessi culminato con la bocciatura dello statuto dell'Uti e con la nomina della baby giunta per Furio Honsell sono rimasti solo fischi e fiaschi.