**
  • Home > Documenti > ARLEF: DUT IN FAMEE (TRANNE IL DIRETTORE CISILINO)
  • stampa articolo

    ARLEF: DUT IN FAMEE (TRANNE IL DIRETTORE CISILINO)

    233A

    Sempre scorrendo il sito ormai bollente dell'Arlef (vedi area trasparenza), troviamo nuovamente cose interessanti o...inquietanti. Tra i membri del Comitato Tecnico Scientifico, presieduto da Lorenzo Fabbro (vedi in foto con Cristiano Shaurli, Massimo Brianese, Giorgio Cavallo, Arnaldo Scarabelli e Luca Peresson) troviamo due componenti, Donato Toffoli e Marco Stolfo che appaiono anche nel verbale dell'assemblea della Cooperativa Informazione Friulana del 3 marzo 2015, in qualità di soci della cooperativa stessa. Ricordiamo che Lorenzo Fabbro, attuale presidente di Arlef è stato a lungo vice presidente della Cooperativa Informazione Friulana che edita Radio Onde Furlane. Chissà se questi due componenti al momento di esaminare pratiche inportanti inerenti la Cooperativa di cui sono soci si sono astenuti o meno? Andando più in fondo sempre nell'area trasparenza del sito, esaminando i provvedimenti recenti adottati dal cda di Arlef, balza incredibilmente all'attenzione, la delibera n.24 del 4.6.2015 "contributi concessi..." In questo caso il Cda presieduto da Fabbro delibera di liquidare 4.500,00 euro ad Informazione Friulana Cooperativa, nonostante il parere negativo espresso dal direttore di Arlef, William Cisilino, con nota 4 c.m. in merito alla liquidazione anche parziale del predetto contributo. Sebbene l'art.4 dello Statuto assegni al cda compiti di indirizzo..chissà se oltre ad emanare un Codice Etico, la Presidente Serracchiani si deciderà ad intervenire, come richiesto da illustri esponenti del mondo culturale friulanista su questo imbarazzante caso di presunta incompatibilità.

  • Commenti

  • Scusate...perché non varrebbe la pena tenere un simile baraccone? Perché dovremmo unirci al Veneto e alla Lombardia? Vogliamo dunque perdere la nostra autonomia, le nostre tradizioni, la nostra cultura? Non è importante mantenere viva la nostra lingua e sostenerla perché la imparino anche le nuove generazioni? Mantenere il friulano non significa eliminare l'inglese anzi, è un bene poter allargare gli orizzonti. Commento inviato il 20-01-2016 alle 15:34 da Lucia
  • Chiedete a 100 persone residenti in Friuli e magari anche autoctone che cos 'è l' ARLEF e cosa fa . E poi ne parliamo se vale la pena a tenere un baraccone simile Commento inviato il 23-07-2015 alle 09:54 da anonimo
  • EH, la Serracchiani non sta attenda finirà i suoi giorni a correre dietro alle farfalle... Commento inviato il 22-07-2015 alle 20:57 da pluto
  • Invece di buttare denaro x questi inutili mangia pane a tradimento, che li spendono x scrive battute in friulano sulle bustine di zucchero del bar per cercare di fermare il mare con le mani, che si destinino i fondi all'Inglese che è la lingua del mondo. O al sostegno e lo sviluppo delle aziende che creano ricchezza sul territorio. Questa mangiopoli abbinata alla gestione dei migranti, DEVE FINIRE, sono stufo nero di lavorare 12ore al giorno per mantenere questa gentaglia inutile. Commento inviato il 22-07-2015 alle 15:08 da Radic di Mont
  • ma l'unione con lombardia e veneto si fa?? Commento inviato il 22-07-2015 alle 13:14 da cassie
  • Serracchiani non ha tempo, è a Roma a correre dietro a Renzi e svendere l'autonomia della Regione Commento inviato il 21-07-2015 alle 22:56 da Anonimo

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ