il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
MENTRE LA PROCURA APRE UN'IDAGINE, IL CAPO DELLO STATO NOMINA IL DIRETTORE DELLA CASA DI RIPOSO DI PALUZZA CAVALIERE DEL LAVORO

L'INSOPPORTABILE INVASIONE DI ZANZARE FRIULANISTE

Hanno governato assieme e assistito al saccheggio del Friuli Venezia Giulia per oltre un decennio; oggi si danno appuntamento, spacciandosi per "la nuova intelligentia autonomista" e parlano delle prospettive della Regione. Sergio Cecotti, il leghista che fece fuori Alessandra Guerra nel lontano 1995, poi diventato sindaco di Udine alleandosi con la sinistra; Claudio Violino, ex assessore regionale all'agricoltura che ha investito 10 milioni di euro per la promozione del Friulano senza aver ottenuto alcun tornaconto di immagine e oggi espulso dalla Lega Nord; l'ex presidente della Provincia di Udine Marzio Strassoldo, già rettore dell'Università, che fu mandato a casa dalla sua stessa maggioranza per una'imbarazzante "scambio" di voti; il bersaniano Salvatore Spitaleri ex presidente dell'interporto di Cervignano; il rettore dell'Università di Udine Felice De Toni, già presidente di Telefriuli e di Agemont in quota Margherita; il sindaco di Talmassons, già assessore provinciale, passato e futuro presidente di Exe Spa, Pier Mauro Zanin; l'ex segretario regionale del Psi negli anni 90 e braccio destro di Ferruccio Saro, oggi capogruppo Ncd in consiglio Alessandro Colautti; l'ex capogruppo di Forza Italia nella scorsa legislatura indagato per le spese pazze dei rimborsi, attualmente membro della Paritetica Daniele Galasso; l'ex assessore regionale durante la giunta Illy ed oggi presidente del consiglio regionale Franco Iacop. Fra i presenti anche il neo presidente dell'assemblea Navarria, conosciuto solo in sala e nel suo paesello.