**
  • Home > Gossip > ALBERGO DIFFUSO A GRADO: VIETATO L'INGRESSO AI TURISTI
  • stampa articolo

    ALBERGO DIFFUSO A GRADO: VIETATO L'INGRESSO AI TURISTI

    230A

    Mentre la casta regionale fa quadrato attorno ai suoi fratelli peccatori, il mondo economico e la gente comune ha infranto ormai ogni omertà. E così dopo aver scoperto la grande quantità di denaro pubblico confluita nelle tasche di pochi fortunati proprietari di stavoli, ruderi e stalle, adesso straripa fuori dal vaso la voce della vergogna. Molti dei contributi erogati dalla Regione Fvg sarebbero stati utilizzati per sistemare, ristrutturare o alle volte perfezionare acquisti di immobili mai o raramente utilizzati a fini di accoglienza turistica. Una truffa perfetta! Questo sarebbe successo per alcuni ruderi di ex illustri politici regionali ma ancor più nella laguna di Grado e Marano. E così ci viene confidato da albergatori e pubblici amministratori di Grado, che la Regione Fvg ha finanziato attraverso il "bando per il finanziamento di progetti di sviluppo turistico" un progetto di circa due milioni di euro volto a coprire il 50% delle spese di riqualificazione dei casoni e degli edifici adibiti ad albergo delle isole di Porto Buso, Anfora, Valle Ghebo Vacche, Valle Tirelli, Casoni Turlavo, Valle del Moro e Valle Panera Rio D'Ara. I contributi furono individuati dall'allora giunta Riccardo Illy, quando sindaco di Grado era Roberto Marin. Nel 2008 - racconta il presidente della cooperativa Grado Albergo Diffuso Laguna d'Oro, Enzo Tirelli - in pochi appassionati abbiamo cominciato a parlare di un nuovo turismo nella Laguna di Grado. I casoni sono strutture certificate che non impattano dal punto di vista ambientale e le cubature degli edifici non sono state aumentate; inoltre si è scelto di far ricorso a sistemi di fitodepurazione e pannelli fotovoltaici". Verrebbe da dire, tutto troppo bello per farci entrare uno sconosciuto in casa! Provate a prenotare un casone, troverete sempre tutto occupato...

  • Commenti

  • POVERA GRADO, E' IN CADUTA LIBERA! ROBERTO MARIN VUOL TORNARE A FAR IL SINDACO MA CREDE CHE I GRADESI SI SON DIMENTICATI DEI SUOI DISASTRI: LA CHIUSURA DELL'OSPIZIO MARINO E LA TRUFFA DELLA CLINICA SANT'EUFEMIA! AL MOMENTO OPPORTUNO FAREMO LA GIUSTA PUBBLICITA' NEGATIVA Commento inviato il 17-07-2015 alle 23:01 da mamolo
  • sul sito laguna d'oro albergo diffuso di grado l'ultimo aggiornamento sui prezzi risale al 2012: aggiornatissimi! Commento inviato il 16-07-2015 alle 18:34 da mataran
  • Sai come è il detto...? Chi canta per primo ha fatto l'uovo...... Altroché balla.....chiediamo le presenze in un anno in questi casoni? In tutti i casoni di grado? Credo emerga un dato non imbarazzante. Di più..... Commento inviato il 16-07-2015 alle 14:50 da Anonimo
  • MARIN, GHERGHETTA, ILLY PARTITI DIVERSI MA A BRACCETTO Commento inviato il 16-07-2015 alle 08:13 da Anonimo
  • Solo per la precisione : a Marano non è arrivato neanche un euro. Commento inviato il 16-07-2015 alle 06:28 da anonimo
  • che ingenui ... i casoni saranno occupati in quanto utilizzati per l' "accoglienza diffusa" !! Commento inviato il 15-07-2015 alle 22:41 da xposure
  • secondo me la gestione dei fondi comunitari sono truffe legalizzate Commento inviato il 15-07-2015 alle 22:18 da Anonimo
  • Balla colossale. Perbenista, quante settimane vuoi prenotare? Commento inviato il 15-07-2015 alle 21:32 da Enzo Tirelli

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ