**
  • Home > Gossip > BOLZONELLO SI SFOGA E SHAURLI DIVENTA INCOMPATIBILE
  • stampa articolo

    BOLZONELLO SI SFOGA E SHAURLI DIVENTA INCOMPATIBILE

    48d

    Non si fa attendere la telefonata di parziale chiarimento del vice presidente della Regione Fvg, Sergio Bolzonello (Pd) sul presunto caso di incompatibilità legato al suo ruolo di consigliere di amministrazione della società consortile Crita r.l. Precisa che la sua appartenenza al cda di Crita era un atto dovuto e non una scelta personale come quella dei suoi colleghi Enzo Marsilio e Enio Agnola all'interno delle cooperative di gestione dei noti alberghi diffusi. Precisa anche che "lui" non ha ottenuto alcun guadagno o vantaggio personale dal farne parte a differenza di qualcun altro. Ammette che probabilmente lo statuto di Crita presenta dei lati poco regolari e che forse chi in passato lo ha redatto non ha tenuto conto di alcune norme di primarie importanza. Con un sorriso liberatorio, termina la telefonata chiarendo che dal 15 maggio, data in cui ha ceduto la delega all'agricoltura al collega Cristiano Shaurli, a far parte del cda sotto accusa di Crita è oramai l'ex capogruppo del Pd. Resta da capire, adesso, congelando il periodo di Bolzonello, cosa farà Cristiano Shaurli (vedi foto) ora che la Regione Fvg sa di far correre dei seri rischi di incompatibilità a chi occupa quella sedia. Certo è che anche gli uffici regionali continuano a dimostrare disinteresse o negligenza aprendosi sempre più fronti di consiglieri incompatibili a loro insaputa o meno. A sentire gli addetti ai lavori, non vi sarebbero dubbi: la legge regionale è chiara e come abbiamo già detto, uno statuto scritto con articoli illegittimi non può cambiare le regole: l'assessore regionale Cristiano Shaurli è da considerarsi incompatibile da oltre quindici giorni.

  • Commenti

  • Il Crita è una realtà istituita con legge dalla Regione, che l'Assessore all'agricoltura sieda in CdA è una forma di controllo a tutela della Regione stessa. Crita non è neanche lontanamente assimilabile ai casi Marsilio e Agnola. Gestisce fondi pubblici per attività di ricerca e borse di studio Commento inviato il 05-06-2015 alle 06:46 da Anonimo
  • I POLITICANTI REGIONALI,NON SONO MAI SAZI ,PIU HANNO ,E PIU VORREBBERO AVERE ! IN MANIERA PIU O MENO LECITA. A SCAPITO DI NOI CITTADINI CHE SIAMO CHIAMATI A PAGARE LE TASSE, CON PENSIONI MINIME ,EPPURE CI ACCONTENTIAMO ! NEL MENTRE LORO "NON HANNO MAI AVONDE " Commento inviato il 04-06-2015 alle 16:11 da Sostenitore del PERBENISTA
  • MARSILIO A CASA!!! AGNOLA A CASA!!! Procura negli alberghi diffusi!!! Corte dei Conti negli alberghi diffusi!!! Caso cjarsons Expo a raggi X!!! Nomine di dipendenti gruppi regionali in cda a raggi X!!! Nomine di oensionati pubblici in cda a raggi X!!! Acquisti di opere d'arte da oerte du enti pubblici a raggi X!!! Nomina Lino Not commissario comunitá montana a raggi X!!! Commento inviato il 04-06-2015 alle 14:53 da IO
  • oh cribbio! la petulante capitolina, quando faceva pratica ed esperienza in provincia, minacciava denunce a gogò ( unico riconoscimento noto della sua permanenza colà). Ora che si trova ad affrontare, e dover risolvere, di prima persona queste questioni, per nulla amene, una certa curiosità ci assale su come, colei che tutto sa e tutto comprende, deciderà. Commento inviato il 04-06-2015 alle 14:50 da lupopaziente

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ