il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
PARENTOPOLI IN MARILENGHE AL TEATRI STABIL FURLAN

HONSELL E IL CENTRODESTRA HANNO UCCISO UDINE

Il gradimento della giunta Honsell ormai ha raggiunto un livello bassissimo. Mai nessun sindaco di Udine è stato tanto inviso alla popolazione. Commercianti, residenti, liberi professionisti e persino il mondo della cultura bocciano pienamente ll politico e l'amministratore Furio Honsell (vedi foto). I risultati sono evidenti ai più: una città abbandonata a se stessa, senza progettualità, senza ruolo, con un centro storico deserto e più attenta alle piste ciclabili che all'abbattimento delle barriere architettoniche. Un sindaco isolato dai partiti che riversa il proprio malcontento verso i cittadini incolpevoli. Un sindaco perennemente nervoso con i propri collaboratori e con gli stessi consiglieri comunali. Un sindaco senza prospettive future destinato ad abbandonare la politica, isolato tanto dai vertici del Pd che da quelli di Sel a cui ha tolto anche una rappresentatività in giunta. Due baby assessori, Pirone e Venanzi,  con le pretese di coordinare la cultura ed il turismo e un vice sindaco, Carlo Giacomello, che dal noto sms con Franco Soldati ha perso ogni carisma e credibilità politica. Il Teatro di Udine è finito nelle mani di uno sconosciuto ex sceneggiatore di commedie erotiche, mentre Stadio Friuli, Parcheggio di Piazza Primo Maggio e Casa di Riposo sono stati spesso agli onori delle cronache giudiziarie. Il declino di Honsell è cominciato poche settimane dopo la sua rielezione, con l'abbandono del vice sindaco Agostino Maio che ha preferito stare al riparo nello staff della più potente Debora Serracchiani, governatrice che non ha mai fatto mistero della sua poca simpatia per lo stesso primo cittadino. Ma se il Pd udinese è stato messo sotto cloroformio con la segreteria Leoncini - Cosmaro, ancora peggio si è comportata l'opposizione di centrodestra, ancora legata ai riferimenti datati del Pdl e della Lega Nord di Umberto Bossi, più attenta a percepire i gettoni delle commissioni consiliari che a redigere interrogazioni e mozioni. La politica dimostri responsabilità, mandi a casa Honsell e cambi classe dirigente prima che per Udine non ci sarà più nulla da fare.