**
  • Home > Gossip > ASP MORO: IL SEGRETARIO LEGHISTA E LE DOPPIE CASELLE
  • stampa articolo

    ASP MORO: IL SEGRETARIO LEGHISTA E LE DOPPIE CASELLE

    50r SCARICA PDF

    In politica esiste l'etica e l'opportunità di un atto. Non solo; le norme nella pubblica amministrazione, possono essere interpretate ma non raggirate. Andrea D'Antoni, assessore tecnico all'urbanistica, pianificazione territoriale, ambiente ed energia è stato nominato ieri presidente dell'Asp Moro di Codroipo. D'Antoni sottolinea al Messaggero Veneto di non essere incompatibile alla carica sulla base del decreto 39/2013 e si vanta di aver superato eventuali dubbi sulla nomina essendo stato indicato dal sindaco di Camino Nicola Locatelli (vedi foto), invece che da quello di Codroipo Fabio Marchetti. Già questa precisazione eticamente va in netto contrasto con quelli che sono i principi sottolineati da Cantone nell'applicazione del decreto. Non solo: va ricordato che i due comuni sono confinanti / contermini, pertanto essendo stato assessore all'urbanistica, pianificazione territoriale ed ambiente sono stati molti i punti di contatto fra le due amministrazioni dello stesso colore politico. Restando sempre nella stessa materia, va poi notato come con decreto del sindaco Marchetti il segretario comunale di Codroipo, dott. Paolo Maniago, sia stato nominato responsabile per la prevenzione della corruzione e responsabile della trasparenza. Analogo incarico (vedi Pdl allegato con retribuzione), il dott. Paolo Maniago lo ricopre anche nei Comuni di Camino e di Talmassons (tutte e tre le amministrazioni comunali concorrono nell'indicare i nomi del cda della Asp Moro) andando così a percepire un totale di 82mila euro annui. Dal 2009 al 2012, Paolo Maniago, è stato capogruppo per la Lega Nord in consiglio comunale ad Arzene e quindi dello stesso partito dell'attuale vice sindaco di Codroipo, Ezio Bozzini. Inoltre, cosa molto importante, ci viene fatto notare che il sindaco Locatelli ha già confermato in Asp Moro la signora Venuti; a questo punto ha fatto due nomine oppure è stato fatto uno scambio last minute di nominativi fra Marchetti e Locatelli?

  • Commenti

  • Lo dicevo che sono tutti casa e chiesa, senza nemmeno il pudore, prima di rispettare le leggi di un'Italia che non riconoscono, dovrebbero rispettare almeno quelle della decenza verso i cittadini: chiediamo troppo? Commento inviato il 15-03-2015 alle 11:56 da Vittorio Scialpi-Destra
  • Scambio merci all'ultimo minuto è ovvio. Già questo dimostra la mala fede. Ma il legislatore non è stato fesso inquanto ha parlato di "inconferibilità" e di "ineleggibilità". Se ne schivi una caschi nell'altra. Ora la palla al Segretario Comunale che non potrà esimersi ammesso che l'abbia già fatto. Commento inviato il 15-03-2015 alle 09:15 da Anonimo
  • Questo é l'illustre nipote dell'illustre zio che si parla da anni.... Ha fatto carriera..... Sembra di essere al tempo dei Lancaster e degli york.... Speriamo che arrivi dal l'esilio un Tudor e sistemi tutto.... É che re Riccardo faccia la stessa fine. Commento inviato il 14-03-2015 alle 19:52 da Il logorroico

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ