il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
PARENTOPOLI IN MARILENGHE AL TEATRI STABIL FURLAN

ASP MORO: PONZIO PILATO CONTRO MUZIO SCEVOLA

Strana regione il Friuli Venezia Giulia, ma soprattutto strano paese Codroipo. Stamani abbiamo provato a verificare se realmente l'architetto Andrea D'Antoni fosse incompatibile a ricoprire il ruolo di presidente dell'Asp Moro in applicazione al decreto Monti o meglio al decreto legislativo 8 aprile 2014 n°39 art.7 (vedi Pdf allegato). Gli uffici regionali ci hanno consigliato di chiedere il parere al segretario comunale di Codroipo, dott. Paolo Maniago, riferimento del dott. Cantone per l'anti corruzione. Questa la sua dichiarazione: "Non mi occupo di atti e nomine politiche, non è affar mio verificare tali incompatibilità. La Regione sa solo parlare a grandi linee. Il compito di monitorare la politica non è mio ma della magistratura. Alcuni magistrati si muovono immediatamente solo per sentito dire, altri attendono eventuali esposti". A questo punto abbiamo telefonato alla direzione centrale della funzione pubblica e autonomie locali della Regione Fvg ed abbiamo rivolto analogo quesito al dott. Gianfranco Spagnul. Laconica anche la sua risposta: " Noi interveniamo solo se ci viene chiesto un parere dall'ente interessato ma al momento non siamo stati interpellati e nemmeno abbiamo ancora ricevuto l'elenco completo definitivo dei nuovi membri del cda della Asp Moro. La responsabilità sulla verifica dei requisiti del presidente compete alla direttrice generale dell'Asp Moro al momento dell'insediamento del nuovo consiglio". Certi di aver raggiunto la meta finale componiamo il numero di telefono 0432/909325 e ci risponde la direttrice dell'Asp Moro, dott.ssa Valentina Battiston che non appena intuisce il tenore del quesito ci riattacca immediatamente la cornetta in faccia con un laconico "Spiacente ma non ho nulla da dire". Passano pochi minuti e ci arriva un sms dell'assessore Andrea D'Antoni, designato presidente dell'ente, che ci comunica di essere assieme alla direttrice e di essere disponibile ad una dichiarazione nei prossimi giorni. Strana coincidenza e strano messaggio; avrebbe potuto farsi passare la cornetta e parlarci direttamente. Nel frattempo secondo autorevoli figure di Federsanità Anci non ci sarebbero dubbi: Codroipo dall'ultimo censimento effettuato nel 2011 ha superato quota 15mila abitanti, per cui non trattandosi di materia elettorale ma di anticorruzione l'incompatibilità prevista dal decreto legge 39 del 2013 all'art.7 è totale. Perentorio l'art. 18 che recita: "I componenti degli organi che abbiano conferito incarichi dichiarati nulli sono responsabili per le conseguenze economiche degli atti adottati".