**
  • Home > Documenti > D'ANTONI INCOMPATIBILE PER LA PRESIDENZA ASP MORO
  • stampa articolo

    D'ANTONI INCOMPATIBILE PER LA PRESIDENZA ASP MORO

    159A SCARICA PDF

    Ennesima grana per i Riccardi's Boys. Dopo la lunga serie di incidenti di percorsi su nomine, incompatibilità ed aspettative non aspettate, adesso sembra spuntare un altro grosso inconveniente. Secondo il decreto legislativo 8 aprile 2013 n°39, denominato Decreto Monti, all'art.7 viene fatto divieto per un anno a chi è stato assessore in un comune con più di 15mila abitanti di ricoprire incarichi presso le pubbliche amministrazioni e presso gli enti privati in controllo pubblico (vedi Pdf allegato). Ragione per cui Andrea D'Antoni (vedi foto), assessore al Comune di Codroipo della giunta Marchetti, non potrà divenire per un anno il successore del presidente uscente dell'Asp Moro, Thierry Snaidero. Se questa notizia, come riteniamo, dovesse rivelarsi esatta, ci chiedamo se dietro l'indicazione di D'Antoni vi sia stata ignoranza o malafede. Entrambe le ipotesi sarebbero ugualmente imbarazzanti.

  • Commenti

  • Non mi pare di aver letto da nessuna parte accuse specifiche o personali sui persomaggi in questione. Si sta parlando di incompatibilità e, a scanso di equivoci, anche i candidati non eletti di tutti i partiti sono incompatibili con certe cariche. Resta il nocciolo della girandola abbastanza inusuale delle nomine e della mancata conferma (per eufemismo) di un presidente uscente, osannato per i brillanti risultati conseguiti e contestato dall'opposizione. D'altra parte, si parla di uomini e amministrazioni pubbliche, sempre soggette a pubblico controllo. Commento inviato il 13-03-2015 alle 21:12 da Vittorio Scialpi-Destra
  • Il Brik chi sarebbe? Riccardi? Se e Lui, siccome non è dato sapere i retroscena, bisogna dire chè è abbastanza defilato se non assente dal dibattito. Commento inviato il 13-03-2015 alle 21:02 da Vittorio Scialpi-Destra
  • Commento inviato il 13-03-2015 alle 09:28 da Anonimo..... Commento inviato il 13-03-2015 alle 10:42 da Anonimo..... eccoli qua...... come volevasi dimostrare i soliti noti anonimi..... brik adesso sono tuoi..... come volevasi dimostrare Commento inviato il 13-03-2015 alle 15:51 da il logorroico
  • - 13-03-2015 alle 09:28 da Anonimo-Ci sarà anche qualcun altro. Troppo comodo tenere il sacco per un'intera consigliatura e, far finta di non essere corresponsabile nel bene e nel male. In altre parole, tutti a casa, Codroipo è decotto e ha bisogno di altro. Commento inviato il 13-03-2015 alle 12:34 da Vittorio Scialpi-Destra
  • allora anche a Mazzola incompatibilità ? Commento inviato il 13-03-2015 alle 12:10 da Anonimo
  • Sembrerebbe inconferibilità (art. 7) ! Ma spetta al responsabile del piano anticorruzione segnalare i casi di possibile violazione (art. 15). Dopo segnalati (all'anticorruzione nazionale) c'è la possibilità di chiedere il riesame... Si tratta di un discusso dlgs in materia di inconferibilità e incompatibilità che nasce per effetto della 190/2012 - Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalita' nella pubblica amministrazione. Insomma... qua mi pare che stiamo ritenendo Codroipo e la sua Casa di Riposo un covo di corrotti, mafiosi, camorristi, ndranghedanisti, santacoronaunitisti... Cosa manca ancora da leggere ? Retata in piazza a Codroipo e 41 bis per tutti ? Via il Museo Archeologico e riapertura del carcere mandamentale di Codroipo ? Meno male che le carceri mandamentali di Codroipo sono a fianco del Duomo. Così don Ivan nella predica domenicale potrà benedire anche i nostri amministratori ! bah ! Povera Italia ! Commento inviato il 13-03-2015 alle 11:21 da legulius legulus
  • Anonimo delle 09:28: potrebbe presentarsi anche il centrosinistra con la lega Commento inviato il 13-03-2015 alle 11:18 da Maurizio
  • Cuissá cé casins che tu combinaresis! Par fortune che tu ses incompatibil.Torne a fa l'assessor e puarte a termin il plan regolatoor se tu ses bon. Commento inviato il 13-03-2015 alle 10:42 da Anonimo
  • E adesso? D'Antoni ritirerà le dimissioni e ritornerà a fare l'assessore. E l'ASP Moro? L'unica via d'uscita è reintegrare Thierry Snaidero a furor di popolo. Popolo che non ha capito (per ora) le vere ragioni della defenestrazione.Poi dopo aver completato questa mission il Sindaco Marchetti un passo indietro. Dimissioni.Se così non avverrà alle prossime elezioni comunali si presenterà la Sinistra e dall'altra parte solo la Lega Commento inviato il 13-03-2015 alle 09:28 da Anonimo
  • Non c'è da preoccuparsi perché in Italia le leggi si applicano solo ai nemici, per gli amici, invece, si interpretano. Consiglio di chiedere un parere alla Direzione Centrale Regionale della Funzione Pubblica: sono bravi a dare pareri per superare la legge. Commento inviato il 13-03-2015 alle 08:55 da topo di biblioteca
  • Mi sembra grossa che oltre a tutto il resto siano anche incompetenti.... Visto che il brik é il piú illuminato tecnico d'Italia del centrodx..... Prima fa dimettere il piú bravo assessore che aveva e poi si trova senza né cavoli né capre..... Se hai ragione spero che del brik poi non si senta piú parlare. Commento inviato il 12-03-2015 alle 22:35 da Il logorroico
  • Andrea jot se tu rivis a comedá alc.... Cuissá cé casin che tu cjatis Commento inviato il 12-03-2015 alle 21:14 da El sintetic

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ