il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

LA DIFFIDA DI SONEGO: LA LETTERA CHE IMBARAZZA IL PD

Il neo Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, si insedia con un invito alla classe politica di sobrietà e attenzione verso chi stenta ad arrivare a fine mese. Da tutti, ma soprattutto dal Pd, ed ancora maggiormente dall'ala più di sinistra dei democratici ci si aspetta degli esempi concreti. Così, il senatore Lodovico Sonego (Pd), beneficiario di uno stipendio cumulativo lordo mensile pari a circa 18mila euro, non esita un solo attimo a prendere carta e penna, per scrivere alla Presidenza della Giunta e per conoscenza a quella del Consiglio Regionale del Friuli Venezia Giulia. Nella sua lettera (vedi foto), datata "Roma, 22 gennaio 2015", il senatore Sonego, già assessore regionale, testualmente "diffida la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia ad adempiere agli obblighi di ufficio ovvero a volere assegnare allo scrivente il beneficio del vitalizio di assessore regionale per il mandato assessorile svolto dal 2003 al 2008". Sonego, come si evince dalla lettura della missiva, è perfettamente consapevole che fino a quando percepirà l'elevata indennità di Senatore della Repubblica non potrà accumulare anche il vitalizio regionale, tuttavia la sua preoccupazione è rivolta verso un futuro, certamente meno rosa di quanti non appartengono alla fortunata casta dei politici.