il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

EXPO 2015: AGOSTINO MAIO NON FA UN KAZAKISTAN DI UTILE

Le categorie economiche e gli amministratori locali interessati a recuperare i finanziamenti per Expo 2015 sono allarmati ed in parte infuriati. Parlano di un vero e proprio immobilismo da parte della struttura regionale che è, di fatto, tutta concentrata nelle mani del capo gabinetto della presidenza Agostino Maio. E' da settembre 2013, dai tempi in cui ricopriva il ruolo di vice sindaco di Udine, che Maio non fa un "kazakistan" di relazioni esterne (vedi foto) con paesi stranieri. Ad essere in ansia sono i consorzi dei vini ma anche quello del prosciutto crudo di San Daniele. I sindaci non possono fare la voce alta, nel rispetto delle istituzioni, ma si affidano ai propri referenti di partito all'interno del consiglio regionale. Notizie analoghe, di quasi totale immobilismo, arrivano anche dalle categorie economiche, Cciaa ed Industriali comprese. Basta dare un'occhiata agli organi di stampa per vedere che di Expo 2015 proprio in Friuli Venezia Giulia non si scrive nulla, perchè non vi è nulla da riferire. A tutt'oggi lo staff che affianca Maio è composto da un paio di funzionari di Turismo Fvg e dal solito interinale. Nel frattempo le altre Regioni vanno avanti e corrono come treni con presenze e spot persino in Rai. Ma, soprattutto, la domanda che noi rivolgiamo ad Agostino Maio e da cui ci attendiamo una risposta è la seguente: "Quale sarà la mission della regione Fvg in Expo 2015? Che messaggio porterà e cosa esporterà oltre a panini e vino?"