il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

SERRACCHIANI-RICCARDI:ACCORDO SU PROPRI RIMBORSO SPESE

Grazie ad un emendamento del centrodestra dell'ultima finanziaria e votato dalla maggioranza (Pd), le spese di mandato vengono rimborsate anche quando il consigliere regionale è a casa malato e, quindi, per trasporti e ristoranti non può aver speso nulla. Lo stesso consigliere va in missione? Verrà ricompensato due volte: per le spese realmente effettuate e con un rimborso forfettario. In sostanza l'emendamento recita che "la trattenuta non viene operata in caso di malattia", tanto per i consiglieri regionali quanto per i membri di giunta e per la stessa Debora Serracchiani. Ma c'è di peggio in nome del tanto affetto per i friulani nel mondo e dei vari Fogolar, l'emendamento prevede anche che "chi viene inviato a rappresentare i friulani fuori regione, viene rimborsato a piè di lista". Conserva lo scontrino del taxi, il biglietto d'aereo, la ricevuta di albergo, bar e ristoranti ed ottiene il dovuto. La sola Debora Serracchiani, come scritto anche dal Fatto Quotidiano da gennaio a settembre si è vista rimborsare oltre 32mila euro e la sua giunta nel complesso 105mila euro. In otto mesi 32mila euro di rimborsi equivalgono a circa 4mila euro al mese: ma quanto mangia in missione? E soprattutto per andare dove? A queste cifre vanno aggiunte quelle di tutti i consiglieri regionali. Il rimborso della missione - scrive Alessio Schiesari - è sacrosanto, meno il fatto che a questo si sommi anche il contributo forfettario. Debora Serracchiani, su questo argomento in piena sintonia con il capogruppo di Forza Italia, Riccardo Riccardi (vedi foto), difende la legittimità della norma: "Il rimborso forfettario ha natura onnicomprensiva, indirizzata al complesso dell'attività del consigliere. Dunque questo rimborso non è specificatamente correlato alla presenza in sede". Corretto da un punto di vista formale, ma è la stessa Regione Fvg a prevedere che "il contributo per le spese di mandato" venga commisurato alla distanza tra la circoscrizione e il Consiglio regionale. Quindi la presenza in sede e le spese per raggiungerla c'entrano eccome.