il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

SERRACCHIANI SCARICA I SIGNORI DELLE COOP

Debora Serracchiani è intervenuta oggi alla tredicesima assemblea congressuale della Legacoop Fvg al Teatro Miela di Trieste. Nel pubblico (vedi foto) tante facce pacioccone ma serie: riconoscibili anche alcuni politici dipendenti della stessa Legacoop. La Governatrice mostra di essere dotata di cervello e muscoli non esimendosi da un duro rimprovero ai vertici del cooperativismo rosso: "Ciò che è accaduto in Friuli Venezia Giulia, con i casi delle Cooperative Operaie e della CoopCa, impone una riflessione al mondo cooperativo nazionale, perchè qui stiamo parlando del prestito sociale, cioè della raccolta del risparmio dei cittadini. Mi pare sia arrivato il momento di cambiare il sistema di vigilanza. Sappiamo che la situazione è complicata e difficile, ma voglio fornire una rassicurazione sulla volonta della Regione di essere presente, per salvaguardare il sistema cooperativo, l'occupazione e i punti vendita, i risparmi dei prestatori sociali. Credo che bisogna - ha concluso la Serracchiani - rivedere il sistema e, per il buon nome di tutto il mondo della cooperazione, accertare le responsabilità, perchè occorre distinguere le cooperative che sono serie e capaci da quelle che serie e capaci non sono". Come non riconfermare, allora, presidente regionale di Legacoop Fvg per acclamazione l'uscente Enzo Gasparutti? Al termine dei lavori un duro scambio di accuse tra il Presidente di Confcooperative Franco Bosio, già vice presidente delle Cooperative Operaie, ed i vertici di Cooperative Nordest, accusate dall'attuale  presidente dell'Ospizio Marino di Grado di pensare ed agire come una multinazionale che non ha a cuore il territorio. Accusa subito rispedita al mittente dai destinatari. E pensare che solo qualche settimana erano tutti sereni e contenti a brindare in una nota enoteca udinese a suon di bollicine.