**
  • Home > Documenti > IL SANGUE SI DONA, GLI EMODERIVATI SI VENDONO
  • stampa articolo

    IL SANGUE SI DONA, GLI EMODERIVATI SI VENDONO

    73S

    Prima di entrare in qualunque argomento è diventata consutudine del Perbenista accompagnare i lettori per mano all'interno delle sue inchieste. Fine anni '90 : un mega scandalo del sangue coinvolge Guelfo  Marcucci, soprannominato "Conte Dracula della Garfagnana", leader assoluto in quel periodo nella lavorazione del plasma e nei cosiddetti emoderivati. Della sua potente famiglia il controllo di aziende come Sclavo, Aima e Farma Biagini che trattavano oltre un milione di litri di plasma all'anno. Nel lontano 1975 con un credito agevolato della banca pubblica Isveimer acquisì nel napoletano quello che poi è diventato l'Isi (Istituto Sierovaccinogeno Italiano). Sempre in quegli anni anche il figlio Paolo entrò nelle aziende del sangue, mentre l'altro figlio Andrea scelse la politica diventando deputato con il Pli dell'allora potente ministro della sanità, Francesco De Lorenzo, poi super inquisito. L'ingresso in Tangentopoli arrivò poi nel '90 in seguito all'acquisto della Sclavo di Siena dall'Enimont. L'ex vicepresidente della Banca di Roma, Oliviero Prunas, ammise di aver intermediato la vendita ed una mazzetta di oltre tre vecchi miliardi di lire per il Psi e al presidente dell'Eni Gabriele Cagliari, sborsata da Guelfo.

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ