il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
PARENTOPOLI IN MARILENGHE AL TEATRI STABIL FURLAN

LETTERA APERTA A TONDO: PRESIDENTE HA FATTO HARAKIRI

Egregio Presidente ( vedi foto in esclusiva ), in Lei come nel suo successore, il governatore Debora Serracchiani, vedo la stessa natura narcisista ed irricinoscente che finirà per portarvi alla distruzione. Le elezioni non si vincono da soli, ma con una squadra e, soprattutto, premiare solo gli amici, in politica come nella vita alla lunga non paga. In questo momento mentre Lei e Debora Serracchiani vi contendete il titolo di Mr./Mrs. President, alle prossime regionali a sfidarsi per la guida di Palazzo Oberdan gli elettori vorranno poter scegliere fra altri due nomi: Massimiliano Fedriga e Sergio Bolzonello. Non ci sarà il Movimento 5 Stelle, che a causa di personalismi e scontri interni, entro un anno in Friuli Venezia Giulia potrebbe trovarsi fortemente ridimensionato. Ma torniamo a Lei, Presidente Tondo; stamane leggo dalla stampa locale che ipotizza un suo ritorno in campo per la riconquista del centrodestra regionale e evetualmente, la guida della Regione Fvg. Ma nell'intervista non riesce a trovare altri nomi da coinvolgere nel suo progetto oltre a quelli degli Alfaniani Colautti e Cargnelutti, ma soprattutto quando le viene chiesto "quali sono i giovani e le personalità su cui puntare", Lei non trova nulla di meglio che rispondere "Con Vanni Lenna , che ha costruito AR, cui riconosco grande lealtà e capacità di lavoro e che è al mio fianco in questo progetto abbiamo ascoltato molta gente". Quello stessa Vanni Lenna consigliere regionale, assessore regionale e senatore della Repubblica che per anni ha cumulato indennità e vitalizi pubblici senza lasciare di lui alcun ricordo politico o amministrativo. Per l'amor di Dio, Presidente Tondo, basta con i suoi "simpatici cerchi magici" scelti per affinità territoriali, passioni per la dama o canoni estetici. Dia spazio ai tanti giovani e capaci amministratori ed imprenditori che fino ad oggi le sono stati a fianco, crescendo e senza mai aver chiesto nulla in cambio, se vuole essere coerente con il nome della sua formazione "Autonomia Responsabile".