il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

QUANTO CI COSTA LA SUPER CASTA DI TURISMO FVG: I DATI

In Friuli Venezia Giulia esiste una sorta di paese di Bengodi del pubblico impiego regionale, che si trova nei pressi di Cervignano del Friuli e più precisamente in località Scodovacca, ove, nella ottocentesca Villa Chiozza, ha sede l'Agenzia Regionale Turismo Fvg. Mentre tutti i dipendenti regionali (chi più chi meno) sono interessati alla riorganizzazione dell'apparato burocratico regionale e la governatrice Debora Serracchiani, in linea con il presidente del Consiglio Matteo Renzi, annuncia per il 2015 una "rivisitazione" del comparto unico, niente e nessuno sembra sfiorare i "super privilegiati", per usare un eufemismo, dipendenti di Turismo Fvg. Per quelli di Villa Chiozza il termine spending review deve essere un termine sconosciuto. Del resto che appellativo si può dare ad un ente regionale dove alle segretarie vengono attribuite indennità mensili di 500 euro oltre lo stipendio, o dove ad un impiegato di fascia C regionale può essere assegnata un'indennità di funzione da 25mila euro, aggiuntiva allo stipendio? Cosa ne pensano Bolzonello e Bregant (VEDI FOTO), Panontin e Peroni rispettivamente per le proprie deleghe? Per non parlare dei buoni mensa da oltre 11 euro o del fatto che agli stessi dipendenti viene acconsentito di usufruire di iniziative promozionali turistiche (rivolte ai turisti) finanziate dal medesimo ente. In questa zona di "off-shore" è possibile che tutti i dipendenti siano beneficiari di indennità mensili più o meno scandalose, alla faccia della meritocrazia e delle annunciate riduzioni dei privilegi degli impiegati pubblici. E così mentre le presenze turistiche sono in picchiata e mai, a detta degli stessi operatori del settore, la Regione è stata così inconcludente e priva di qualsiasi idea o programma di sviluppo turistico, a Villa Chiozza continuano beatamente a godersi le laute indennità ( VEDI PDF ALLEGATO AGGIORNATO AL 2013 ) senza che, peraltro, i sindacati, revisori ovvero i dirigenti regionali addetti alla vigilanza sull'operato dell'importante ente funzionale, abbiano mai eccepito alcunchè, ma tanto come sempre i soldi non sono loro  ma dei contribuenti.