**
  • Home > Gossip > MAI DIRE MAIO OPPURE "MAIOBELLO" SI ROMPE
  • stampa articolo

    MAI DIRE MAIO OPPURE "MAIOBELLO" SI ROMPE

    113A

    "Mai dire Maio" : è questa la parola d'ordine che gira fra quanti ambiscono ad entrare nel triangolo magico di Debora Serracchiani. Appare ormai evidente anche al più distratto degli osservatori che fra la governatrice ed il resto del Partito Democratico ci sia una distanza incolmabile. Ormai Franco Iacop, Sergio Bolzonello, Cristiano Shaurli, Renzo Travanut, Antonella Grim non contano assolutamente nulla. Non si alza foglia che Debora non voglia. All'inizio un grande senso di frustrazione colpiva i componenti della giunta regionale e del consiglio, poi la rassegnazione. Oggi solo l'augurio che la governatrice traslochi a Roma il più presto possibile. I gesti di arroganza a cui ormai ha abituato l'intero mondo politico non si contano più. E così, stanca di dialogare anche con se stessa, Debora Serracchiani ha inventao il "maiobello". Il suo ruolo è quello del capogabinetto, ma assieme a Gabriele Renzulli e Salvatore Guarneri sta predisponendo il comitato dei tre saggi che individureà fra gli oltre 180 curriculum presentati i futuri direttori generali delle Aziende Sanitarie. Ma basta togliergli il camice da medico e mettergli il caschetto da ingegnere e, subito, "maiobello" diventa l'infaticabile referente della Regione per l'Expo 2015. Giorni fa, Debora ha voluto vedere come stesse su "maiobello" la fascia tricolore; così fra una riforma sanitaria e i gravosi compiti da capogabinetto, fra l'organizzazione di Expo 2015 e la sua attenzione al mondo interinale, "maiobello" ha scalzato Maria Grazia Santoro e si appresta a diventare il successore di Furio Honsell. L'importante è solo una cosa: "Mai dire Maio" oppure "maiobello" si rompe e il triangolo magico si arrabbia.

  • Commenti

  • che carriera rapida ha fatto Maio, in un attimo è passato da impiegato all'Università di Udine a Capo Ufficio di Gabinetto della Regione (senza concorso pubblico). Evidentemente per la Presidente, in Regione ci sono cittadini di serie A che hanno tanti diritti e tutti gli altri di serie Z che hanno doveri Commento inviato il 21-09-2014 alle 23:08 da Manu
  • In un simpatico film c'era anche Ziu Belu.... Commento inviato il 19-09-2014 alle 22:58 da Diego
  • Questi sono i "Dirigenti" che lunica cosa che sanno fare bene è distruggere le cose che funzionano quasi da sole. Vedi la Residenza "I Faggi" di Udine, casa di riposo privata per anziani autosufficienti o parzialmente autosufficienti. Fiore all'occhiello della città di Udine ora una struttura semideserta. VERGOGNA Commento inviato il 19-09-2014 alle 22:00 da FRANCESCA BELTRAME
  • Mio marito lavora in regione e dice che al di la' dell'ideologia politica sono sempre attivi e che non ha mai visto altri politici così assidui al lavoro. Bravi questi si che si danno da fare Commento inviato il 19-09-2014 alle 21:57 da Franca
  • Maio il bravo. Capace, sveglio, con le antenne da tutte le parti. Una spanna sopra chiunque altro. Commento inviato il 19-09-2014 alle 21:56 da Anonimo
  • Bravo Maio, Ti sei sempre distinto per stile e grandi capacità. Simdaco, presidente della regione, super assessore, hai le carte in regola per qualsiasi ruolo. Hai ottime capacità di mediazione e di raggiungere obiettivi concreti. Peccato per il centro destra che non ha uomini di tale levatura e per gli invidiosi. Commento inviato il 19-09-2014 alle 21:53 da Anonimo
  • Vero. Lei ha zittito pubblicamente più volte il "potente" Sergio Bolzonello, umiliandolo anche. E lui: silenzio. Ad un premio a Vemezia, qualche giorno fa, e' stato relegato addirittura nell'ultima sedia dell'ultimo tavolo. E poi qualche settimana fa, quando Tondo ha convocato i capigruppo, si sono presentati anche lei e Bolzonello, che ha cercato una mediazione ma e' stato ZITTITO. Insomma, si fa umiliare e incassa. E poi cerca di apparire "potente" e arrogante con quelli che lavorano con lui. Commento inviato il 19-09-2014 alle 16:34 da Dago

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ